Tracciamento: arriva il sistema per l’olio extravergine di oliva

tracciamento:-arriva-il-sistema-per-l’olio-extravergine-di-oliva

Tracciamento: arriva il sistema per l’olio extravergine di olivaTracciamento: arriva il sistema per l’olio extravergine di oliva

Dalla raccolta delle olive fino alla bottiglia, ecco come conoscere davvero il proprio olio extravergine di oliva. Con Carapelli, comodamente online

La tracciabilità è un concetto attualissimo e abbiamo tutti compreso oramai quanto sia importante per la salute. Oggigiorno se parla molto come novità, in relazione all’emergenza sanitaria, ma la possibilità di verificare la storia, i movimenti e il percorso effettuato dai cibi è un traguardo per la sicurezza alimentare che è stato ampiamente raggiunto già da anni in Europa.

Un tempo le merci viaggiavano molto meno, chi coltivava o allevava era spesso lo stesso che trasformava la materia prima e la filiera era corta un po’ per definizione.

Oggi con il progresso tecnologico è tutto molto diverso e servono strumenti di controllo adeguati a garantire l’origine dei prodotti, la loro qualità e ad effettuare scelte consapevoli su quello che mangiamo. Nel caso dei prodotti Made in Italy e di alta qualità, fra le problematiche, c’è anche quella di adulterazioni, frodi o contraffazioni.

Cosa cercare in etichetta

L’olio di oliva italiano ad esempio deriva da cultivar di maggiore pregio ma a resa minore, spesso coltivate in terreni vocati ma non meccanizzabili, per un risultato di estrema qualità organolettica ma dal prezzo più elevato rispetto a quello di altri paesi a noi vicini. È evidente, quindi, l’incentivo economico a sostituire olio non italiano vendendolo come italiano o a fregiarsi del brand Italia in modo truffaldino.

Ecco perché le aziende hanno l’obbligo di specificare in etichetta il luogo di origine della olive e la sede del frantoio, con l’obiettivo di differenziare l’olio prodotto in Italia da olive straniere, oppure lavorato all’estero da aziende italiane – dall’olio di oliva veramente 100% italiano.

Oltre alle indicazioni in etichetta però ad ogni azienda viene richiesto di identificare anche ogni lotto di produzione con uno specifico codice, con cui poter risalire con precisione tutti i passaggi della filiera – dallo scaffale del supermercato fino alla raccolta, passando per tutti i passaggi di produzione e distribuzione.

La tracciabilità online di Carapelli Firenze

Carapelli Firenze
, da oltre 125 anni sinonimo di olio extra vergine di oliva di qualità in Italia e all’estero, produce olio 100% italiano con etichette come Oro Verde, Bio Italiano, il Rustico non filtrato e tutta la gamma Le Origini (Toscano IGP, Olio di Calabria IGP e Terra di Bari Bitonto DOP). E poi c’è Il Nobile, che rappresenta l’impegno di Carapelli a sostenere la qualità ed il valore della produzione olearia italiana, aderendo al progetto di Filiera Olivicola Olearia Italiana (FOOI): un olio extra vergine di oliva 100% italiano ottenuto dalla selezione di pregiate cultivar nazionali come Cima di Bitonto, Peranzana, Coratina e Ogliarola.

L’impegno per la qualità di Carapelli Firenze però passa anche dalla trasparenza sui prodotti, e così comodamente online si possono trovare tutte le informazioni relative all’olio, dalla molitura delle olive ai processi di selezione ed imbottigliamento dei loro oli 100% italiani. Basta inserire il numero di lotto che trovi sulla tua bottiglia, scegliere il tipo di prodotto e accedere alle informazioni relative alla tracciabilità.

Recommended Articles

Leave a Reply