Mutti cerca dipendenti: offerte di lavoro stagionali per più di 1100 persone

mutti-cerca-dipendenti:-offerte-di-lavoro-stagionali-per-piu-di-1100-persone

Un lavoro stagionale, da luglio a settembre, per contribuire al momento più incisivo per l’azienda: la trasformazione dei pomodori. Mutti offre oltre 1100 posti di lavoro per l’estate.

Mutti cerca dipendenti

Mai come in questo periodo storico è bene dare risalto alle opportunità di lavoro. Ancora meglio se a proporle è un’azienda solida che da oltre 100 anni è entrata nelle case degli italiani: Mutti, il brand di pomodoro di Montechiarugolo, nel cuore della Food Valley parmense, ricerca più di 1100 figure per il periodo che va tra luglio e settembre, per dare supporto alle attività produttive e amministrative nei tre stabilimenti a Montechiarugolo, Collecchio e Oliveto Citra. L’occasione ideale per intensificare o iniziare una formazione sul campo, in piena campagna del pomodoro, il momento più importante e delicato per l’azienda creata da Giovanni Mutti, che per primo ha intuito l’importanza del principio dell’alternanza delle coltivazioni, applicato ancora oggi.

Il lavoro stagionale da Mutti

Un periodo intenso, quindi, e di soli settanta giorni. Settanta giorni in cui Mutti trasforma tutte le materie prime provenienti da più di 800 famiglie di agricoltori italiani: del resto, l’azienda ha sempre continuato a raccogliere il prodotto seguendo la stagionalità, attendendo il suo ciclo naturale e lavorando sodo nei mesi estivi, in particolare da luglio a settembre. Niente paura, però, per chi teme le operazioni manuali: la raccolta è interamente meccanizzata, proprio per non incappare nel rischio di sfruttamento della manodopera, una delle questioni più annose per le aziende del campo agroalimentare. “La campagna di trasformazione del pomodoro è da sempre un’opportunità lavorativa importante per le persone presenti sui territori in cui operiamo”, ha dichiarato Federico Luddi, HR Director di Mutti, che aggiunge: “In questo periodo, segnato da una pandemia che ha inferto un duro colpo all’economia nazionale, lo è in particolar modo. Siamo quindi felici di aprire le porte a chi desidera far parte di questo momento e di dare un contributo alle comunità locali dove Mutti ha i suoi stabilimenti, nel Nord e nel Sud d’Italia”

L’azienda Mutti

In particolare, l’azienda è in cerca di 500 persone per lo stabilimento di Montechiarugolo, 300 per quello di Collecchio e altre 300 a Oliveto Citra, l’unico dei tre che si trova al di fuori della regione, in provincia di Salerno. Cosa offre nello specifico? Un contratto a tempo determinato stagionale dalla durata variabile a seconda delle esigenze produttive locali. Chiunque può candidarsi, a patto di essere maggiorenni e disponibili a lavorare su turni. Così, tutti gli appassionati di agroalimentare potranno fare esperienza presso una delle aziende più storiche del settore, quel brand nato ufficialmente nel 1899 grazie al nipote di Giovanni, Marcellino Mutti, che ha fondato la F.lli Mutti a Basilicanova con lo stabilimento dedicato alla lavorazione del pomodoro. Nel ’51, il primo concentrato di pomodoro in tubetto di alluminio, prodotto diffuso proprio grazie all’azienda, innovativo per un tempo in cui quel formato era usato solo per il dentifricio. Un successo consolidato nel ’71 con la polpa, che proietta Mutti ai vertici dell’industria conserviera. Il resto è storia, ma anche futuro, per l’azienda e soprattutto per chi vorrà farne parte.

Recommended Articles

Leave a Reply