La dieta per la diverticolite: cosa mangiare e cosa evitare

la-dieta-per-la-diverticolite:-cosa-mangiare-e-cosa-evitare

I consigli del professor Campanelli per combattere la diverticolite attraverso alimentazione e idratazione

Maria Elena Perrero

Una dieta per i diverticoli, per chi soffre di diverticolosi o di diverticolite (due situazioni ben distinte) esiste? Quanto è importante l’alimentazione per arginare i sintomi del colon irritabile e delle sue conseguenze più importanti, come appunto la diverticolite? “Innanzitutto chiariamo di che cosa parliamo quando parliamo di diverticolite: i diverticoli sono delle specie di palloncini che si creano verso la superficie esterna del colon, soprattutto nella parte sinistra. Nella maggioranza dei casi questi diverticoli non danno sintomatologia, talvolta danno sintomatologia blanda: doloretti e, appunto, sindrome del colon irritabile. Nei casi di sintomatologia più importante si ha una vera e propria diverticolite“, spiega a Gazzetta Active il professor Giampiero Campanelli, responsabile dell’Unità Operativa di Chirurgia Generale sezione Day & Week Surgery all’Istituto Clinico Sant’Ambrogio e Direttore dell’Hernia Center di Milano presso la Casa di Cura La Madonnina di Milano e La Santambrogio.


Diverticolite: dieta e idratazione —

E la dieta, nella diverticolite (come anche nella sindrome del colon irritabile) gioca un ruolo importante. “Una alimentazione scorretta e squilibrata è una delle cause della sindrome del colon irritabile, che può portare anche a diverticolite. Lo abbiamo osservato in questo periodo di lockdown per Covid: le mutate abitudini alimentari degli italiani hanno portato ad un aumento di casi di diverticolite”, chiarisce Campanelli. Ancor più importante della dieta, nel caso di diverticolite, è l’idratazione, sottolinea il chirurgo: “L’idratazione è importantissima. E da qui dipende anche la scelta degli alimenti. Una dieta ricca di scorie, di fibre, con verdura e frutta in abbondanza, soprattutto in fase preventiva, è decisiva. Bisogna bere almeno due litri di acqua al giorno e mangiare ortaggi a volontà, perché così l’acqua con le fibre aumenta la massa fecale, velocizzando il transito intestinale e favorendo il cosiddetto wash out, riducendo quindi il rischio che si formino residui di cibo nel colon”, spiega il professor Campanelli. Tra gli alimenti consigliati ci sono anche i legumi, vista la loro ricchezza in fibre? “Un tempo si diceva che i legumi, così come alimenti contenenti semi come i pomodori o i kiwi, potessero essere di ostacolo, andando a infilarsi proprio tra i diverticoli. Ora sappiamo che se l’evacuazione è regolare, veicolata da liquidi, non succede nulla. In generale, una dieta ricca di fibre e acqua è consigliata“, sottolinea il professor Campanelli. Alcuni alimenti, invece, andrebbero evitati. “Sicuramente le farine raffinate, i condimenti troppo grassi, gli alcolici in quantità esagerata e tutto ciò che ha un potere irritante sulla mucosa intestinale va limitato se non evitato”, chiarisce il chirurgo.


Microbiota e diverticoli —

Un microbiota equilibrato può aiutare anche la prevenzione della diverticolite? “Il microbitoa è importante, la popolazione batterica all’interno del colon va nutrita e mantenuta. Tuttavia stiamo parlando di pazienti che hanno i diverticoli. Quindi oltre ad un buon microbiota bisogna seguire una terapia cronica antibiotica per tenere pulito il colon. Detto ciò, sicuramente yogurt o alimenti ricchi di fermenti lattici aiutano”, chiarisce Campanelli.


Stress e diverticolite —

Ma se l’alimentazione e l’idratazione sono fondamentali, anche lo stress incide sulla diverticolite? “Lo stress c’entra con tutto, dall’infarto al mal di pancia, al colon irritabile, passando per l’insonnia e il mal di testa. Ma in termini di causa effetto non può portare ad una perforazione, complicanza importante della diverticolite”, spiega il professor Campanelli. “Certamente induce una anomalia del movimento del colon. Di conseguenza se lo stress porta ad una situazione di stitichezza o diarrea può essere una concausa. Ma questo se ci sono già i diverticoli. Non è lo stress la causa dei diverticoli”, chiarisce Campanelli.

Seguici sui nostri canali social! 

Instagram –  Facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Recommended Articles

Leave a Reply