Gomasio: a cosa serve e la ricetta per preparare questo prodotto asiatico

gomasio:-a-cosa-serve-e-la-ricetta-per-preparare-questo-prodotto-asiatico

Ecco tutto ciò che c’è da sapere sul gomasio: a cosa serve, le proprietà e la ricetta per ottenere questo condimento, che arriva dall’Asia.

Prosegue il nostro viaggio alla scoperta di prodotti culinari provenienti da ogni parte del mondo e, oggi, si ferma nel continente asiatico. L’attenzione è tutta concentrata sul gomasio. Con questo termine si indica un prodotto composto da sale marino integrale e semi di sesamo tostati e pestati. Le sue origini si collocano in Giappone, dove – ormai da tempi antichissimi – viene usato in cucina come condimento. Inoltre, questo prodotto è contraddistinto da tante proprietà benefiche ed è proprio questo dettaglio che giustifica il successo che sta avendo in tutto il mondo. Come se non bastasse, è anche molto facile da preparare!

A cosa serve il gomasio

La principale funzione di questo prodotto nipponico può ridursi a una semplice definizione: esso non è altro che un valido sostituto del sale raffinato. Valido perché, al contrario del suo rivale, contiene maggiori benefici per l’organismo e risulta più leggero. Il gomasio, come già precisato, nasce dall’unione del sale marino integrale e dei semi di sesamo, anch’essi contenenti sodio. Per questo motivo, il prodotto è usato in cucina come esaltatore di sapidità.

In territorio asiatico, lo si utilizza per insaporire una grande varietà di piatti, come insalate, carne, pane, riso, verdure. In particolare, si abbina molto bene ai cereali, esaltandone il sapore. La caratteristica principale risiede nella modalità di utilizzo: questo prodotto deve essere usato a crudo sulle pietanze, per poter assaporarne il gusto. In questo modo, è anche facile sfruttare tutti i suoi benefici.

Gomasio: proprietà benefiche di questo condimento

A questo punto bisogna capire quali sono i veri vantaggi di questo prodotto. In esso, il sale marino integrale contiene una grande quantità di iodio. Un alto valore che, invece, nel sale raffinato non è contenuto. Lo iodio è ottimo per l’organismo perché stimola l’attività endocrina e il metabolismo. Questo particolare sale, inoltre, contiene anche molti minerali utili, così come anche nei semi di sesamo.

Nei semi c’è un alto contenuto di calcio e altri minerali: tra cui magnesio, fosforo, ferro, potassio. Sono anche fonte di vitamine, come quelle del gruppo B, e acidi grassi insaturi, come l’Omega 3. Tra le proprietà del gomasio ci sono anche vitamina A e proteine. Tutto ciò lo rende un prodotto utile per combattere la stanchezza e l’affaticamento psichico, rafforzare le difese immunitarie e prevenire le malattie cardiovascolari.

Ricetta del gomasio

9 ricette autunnalli per la tua tavola

Gomasio
Gomasio

Preparare il gomasio in casa è molto semplice. Per farlo avete bisogno solamente dei suoi due ingredienti principali, ovvero il sale marino integrale e i semi di sesamo. In pochi minuti, la loro unione darà vita a questo particolare prodotto, che potete utilizzare a crudo per insaporire tantissime pietanze.

Ingredienti

  • 1 cucchiaio di sale marino integrale
  • 10 cucchiai di semi di sesamo
  1. Per prima cosa, lavate i semi di sesamo e asciugateli con cura.
  2. Metteteli in una padella capiente e fateli tostare sul fuoco per 10 minuti. Girate spesso con un cucchiaio.
  3. Dopo pochi minuti, versate il sale.
  4. A cottura terminata, trasferite il tutto in un mortaio e pestate. Una volta fatto, mettete in un barattolo in vetro.

Conservate il gomasio, in un recipiente ben chiuso, in un luogo fresco e per massimo 15 giorni. Usatelo per condire una varietà di piatti, come una gustosa insalata giapponese.

Recommended Articles

Leave a Reply