“É sempre mezzogiorno”: calamarata disco inferno di Daniele Persegani

“e-sempre-mezzogiorno”:-calamarata-disco-inferno-di-daniele-persegani

calamarata disco inferno di Daniele PerseganiE nel ‘D-Day’, ovvero la giornata dedicata a Dante, non poteva mancare il D-Chef, Daniele Persegani. Il cuoco emiliano irrompe in studio con il suo carico di simpatia per preparare un primo piatto, la calamarata disco inferno.

Ingredienti

  • 350 g calamarata, 2 salsicce, 100 g nduja, 100 g passata di pomodoro, 50 g triplo concentrato di pomodoro, 1 peperone rosso, 1 peperone giallo, 1 cipolla rossa, basilico, 100 g ricotta salata, 2 spicchi d’aglio, 1 peperonino fresco, olio evo, sale

Procedimento

Cuociamo la pasta, formato calamarata, in acqua bollente e salata per il tempo necessario.

Prepariamo il condimento: in padella, mettiamo due spicchi d’aglio con la nduja e la salsiccia sgranata: non serve aggiungere olio o altro grasso. Lasciamo rosolare qualche minuto, fino a far dorare il tutto. Aggiungiamo, quindi, la passata di pomodoro, il concentrato di pomodoro e qualche mestolo di acqua di cottura della pasta. Copriamo e lasciamo cuocere per circa 20 minuti.

Laviamo i peperoni e li tagliamo a listarelle sottili. Li mettiamo in una ciotola ed uniamo la cipolla affettata finemente, sale, pepe, olio e peperoncino a pezzettoni. Mescoliamo e lasciamo marinare per 1-2 ore. Scaldiamo per bene una bistecchiera o una padella e mettiamo a grigliare le verdure marinate (peperoni e cipolla). Quando il tutto è ben grigliato (circa 10-15 minuti), trasferiamo in una ciotola, copriamo con la pellicola e lasciamo riposare per almeno 15 minuti.

Scoliamo la pasta e la saltiamo con il sugo di pomodoro e salsiccia e parte delle verdure grigliate. Serviamo con sopra le verdure rimaste sopra, basilico fresco spezzettato e ricotta salata grattugiata.

Ancora un’altra ricetta…

Iscriviti al canale Youtube

Ricetta

Titolo

É sempre mezzogiorno | Ricetta calamarata disco inferno di Daniele Persegani

Pubblicata il

Recommended Articles

Leave a Reply