Dai cereali alla carne, i prezzi delle materie mai così alti da dieci anni

dai-cereali-alla-carne,-i-prezzi-delle-materie-mai-cosi-alti-da-dieci-anni

I prezzi dei prodotti alimentari hanno raggiunto, a livello mondiale, il massimo da quasi dieci anni. Trainate dalle quotazioni in forte aumento per oli vegetali, zucchero e cereali le materie prime agricole a maggio 2021 hanno segnato un nuove record nell’indice dei prezzi Fao che ha raggiunto un valore medio di 127,1 punti (+39,7% rispetto a maggio 2020).

L'indice Fao sulle materie prime agricole a maggio 2021 ha toccato il massimo da 10 anni a questa parte Dai cereali alla carne, i prezzi mai così alti da dieci anni

L’indice Fao sulle materie prime agricole a maggio 2021 ha toccato il massimo da 10 anni a questa parte

Cereali, latte e carne: prezzi in aumento sull’indice Fao

Più nello specifico, grazie all’analisi offerta da Coldiretti, a tirare la volata sono i prezzi internazionali dei cereali, cresciuti del 36,6% a maggio 2021 rispetto allo stesso mese dello scorso anno, seguiti dalle quotazioni dei prodotti lattiero caseari (+28%) e della carne (+10%). «Con la pandemia da Covid si è aperto uno scenario di riduzione degli scambi commerciali, accaparramenti, speculazioni e incertezza per gli effetti dei cambiamenti climatici che spinge la corsa dei singoli Stati ai beni essenziali per garantire l’alimentazione delle popolazione», spiega Coldiretti. Uno scenario su cui ha deciso di intervenire anche l’Unione Europea lanciando una consultazione pubblica per raccogliere contributi dagli operatori, ma anche dalle autorità e dai cittadini per realizzare un piano finalizzato a conquistare l’autosufficienza alimentare.

Un fenomeno globale che si abbatte anche sull’Italia

Il fenomeno internazionale si riverbera anche in Italia, «Paese che è fortemente deficitario e ha bisogno di un piano di potenziamento produttivo e di stoccaggio per le principali commodities, dal grano al mais fino all’atteso piano proteine nazionale per l’alimentazione degli animali in allevamento per recuperare competitività rispetto ai concorrenti stranieri», sottolinea Coldiretti. Anche se la necessità, innanzitutto, è quella di agire subito. Soprattutto alla voce “costi fissi” (leggi: cereali per l’allevamento del bestiame, per esempio).

«Per cogliere una opportunità unica abbiamo elaborato e proposto per tempo progetti concreti immediatamente cantierabili per l’agroalimentare con una decisa svolta verso la rivoluzione verde, la transizione ecologica e il digitale in grado di offrire un milione di posti di lavoro green entro i prossimi 10 anni», ha affermato il presidente della Coldiretti, Ettore Prandini. L’obiettivo è quello di trarre il massimo dal Recovery plan.

La Borsa della Spesa del 4 giugno Dai cereali alla carne, i prezzi mai così alti da dieci anni

La Borsa della Spesa del 4 giugno

La Borsa della Spesa del 4 giugno

Ma se a livello internazionale i prezzi lievitano, che succede nel mercato ll’ingrosso? A registrarlo è la Borsa della Spesa di Bmti (Borsa merci telematica italiana) del 4 giugno. Con l’arrivo della bella stagione, si sta finalmente completando la transizione delle referenze a favore della frutta e verdura estiva. Passaggio ben segnalato dall’inizio della campagna delle pesche nazionali e l’aumento costante dei quantitativi delle angurie nelle diverse regioni italiane e dei meloni (che presentano un buon rapporto qualità-prezzo e un gradevole grado zuccherino, soprattutto per il prodotto di origine siciliana). Contestualmente, cala il prezzo dei radicchi (sebbene sia iniziata una nuova campagna di raccolta). Infine, le ciliegie che, con prezzi ancora elevati, iniziano a farsi largo sul mercato all’ingrosso.


Recommended Articles

Leave a Reply