Cuzzupa calabrese, storia e ricetta del dolce del buon augurio

cuzzupa-calabrese,-storia-e-ricetta-del-dolce-del-buon-augurio

Preparare la cuzzupa calabrese con la ricetta antica è davvero semplice e possiamo garantirvi che la vostra Pasqua avrà tutto un altro sapore.

Quando parliamo di ricette di Pasqua potremmo aprire un libro e non chiuderlo mai. È incredibile come di zona in zona le ricette cambino nome, e talvolta anche qualche ingrediente, senza mai smettere di diffondersi. Una di queste è la cuzzupa, uno dei dolci pasquali più amato nella provincia di Catanzaro ma anche in altre zone della regione.

Le cuzzupe di Pasqua sono un prodotto tipico il cui impasto è simile a quello della pasta frolla. La superficie del dolce viene poi decorata con delle uova, simbolo della fine del periodo quaresimale e considerate di buon auspicio, e degli zuccherini colorati che rimangono attaccati al dolce grazie a una particolare glassa nota come annaspero preparata con albume, zucchero e succo di limone. Per quanto riguarda la forma invece non c’è una regola fissa e dando un’occhiata alla storia della ricetta tradizionale capirete il motivo. Questo vuole la ricetta originale ma come sempre poi ogni famiglia la adatta in base ai propri gusti.

9 ricette autunnali per la tua tavola

Cuzzupa
Cuzzupa

Come preparare la cuzzupa calabrese con la ricetta originale

  1. Riunite in una ciotola la farina e il lievito e date una mescolata veloce.
  2. Formate una fontana e unite tutti gli altri ingredienti: zucchero, strutto, uova, tuorlo, latte ed estratto di vaniglia.
  3. Impastate velocemente giusto il tempo che si formi un panetto omogeneo e lasciatelo riposare per 30 minuti.
  4. Date alla cuzzupa la forma che preferite (noi abbiamo scelto la classica a ciambella) e disponete sulla superficie delle uova. Noi le abbiamo colorate lasciandole per 20 minuti in una ciotola di acqua con qualche goccia di colorante alimentare rosso.
  5. Cuocete a 180°C per 40 minuti.
  6. Sfornate e completate immediatamente la decorazione sbattendo albume, zucchero e succo di limone così da ottenere una glassa. Distribuitela sul dolce e completate con gli zuccherini colorati.

Le cuzzupe calabresi morbide sono solo una delle tante ricette di Pasqua. Vi consigliamo di provare anche altri due classici, il casatiello e la pastiera.

Cuzzupa pasquale
Cuzzupa pasquale

Cuzzupe: la storia

Di tutti i piatti tipici calabresi, le cuzzupe sono forse quelle che hanno una storia più antica. Note anche come sguta, angùtavuta, pizzatolacullùra possono presentare forme diverse. In linea di principio, trattandosi di un dolce simbolo della fine del periodo di digiuno quaresimale, assume forme tipicamente pasquali: uovo, coniglio, agnello o campana. Se quindi vi siete sempre chiesti qual è il significato delle forme delle cuzzupe eccolo svelato!

Può assumere anche la forma di cuore se a prepararlo è la suocera per il futuro genero. In questo caso decorerà anche la superficie con ben 7 uova considerate di buon auspicio oltre che simbolo della resurrezione di Gesù. Sempre secondo la tradizione, l’impasto va preparato nei primi giorni della Settimana Santa e gustato il venerdì o la domenica di Pasqua.

Conservazione

Le cuzzupe si conservano per oltre una settimana sotto una campana per dolci.

Riproduzione riservata © 2021 – Primo Chef

Recommended Articles

Leave a Reply