Azienda Agricola Uccellaia – Rosso dell’Uccellaia 2006

azienda-agricola-uccellaia-–-rosso-dell’uccellaia-2006
Azienda Agricola Uccellaia - Rosso dell’Uccellaia 2006
Azienda Agricola Uccellaia – Rosso dell’Uccellaia 2006

di Andrea Petrini

La ricerca di un “buen retiro” per staccare dal caos cittadino, ma anche un luogo dove coltivare le proprie passioni come allevare i cavalli oppure produrre e bere buon vino secondo le ancestrali regole contadine.

Così può iniziare la storia di Chicca Baroni Nicoletti e suo marito che nel 1977, tra i colli della Val Nure, precisamente ad Albarola di Vigolzone (PC), scoprono e si innamorano di questo angolo di terra di 15 ettari, circondato da boschi di castagni e robinie, 8 dei quali coltivati a vigneto.

Da quel momento, e fino al 1998, l’attività principale dell’azienda agricola, chiamata Uccellaia visti i tanti volatili che nidificavano nei dintorni, è stata l’allevamento dei cavalli da sella, ma c’è un filo invisibile che lega i cavalli di ieri ai vini di oggi che prende forma e sostanza a partire dal 1998 quando i Nicoletti, grazie alla coltivazione di vigneti già presenti (dal 2002 a conduzione BIO), producono il loro primo vino, il Rosso dell’Uccellaia che, dal 2007, porta il nome di uno dei cavalli più belli e importanti del loro allevamento: Inventato. Nome particolare, vero? Già, perché se il cavallo a cui si fa riferimento è un incrocio abbastanza inusuale tra una fattrice purosangue e uno stallone hannover, anche questo Rosso, blend di merlot (55%) e barbera (45%), è frutto di un uvaggio fuori dai soliti schemi soprattutto se facciamo riferimento al territorio dei Colli Piacentini.

Azienda Agricola Uccellaia - Rosso dell’Uccellaia 2006 retro
Azienda Agricola Uccellaia – Rosso dell’Uccellaia 2006 retro

Durante questo periodo di pandemia, grazie al mio amico e sommelier Giuseppe Esposito, che ha organizzato la diretta via Zoom, ho avuto la fortuna di incontrare on-line Giulia Nicoletti, figlia di Chicca, con  la quale, assieme a tanti altri appassionati, ho avuto la fortuna di degustare, per la prima volta, il Rosso dell’Uccellaia 2006.

Prima di entrare nel merito della degustazione e svelarvi le emozioni gustative, una breve nota tecnica per inquadrare il vino: la fermentazione del Rosso dell’Uccellaia, e poi dell’Inventato,  avviene  con  lieviti autoctoni e la macerazione delle uve dura circa un mese, bucce e mosto rimangono a contatto durante e dopo la fermentazione alcolica. In questa fase quotidianamente si rimescola il cappello di vinacce eseguendo rimontaggi e follature, operazioni cruciali per estrarre le sostanze presenti nelle bucce come antociani, polifenoli e tannini. Invecchiamento e maturazione avvengono in barriques di rovere francese di secondo e terzo passaggio per circa 12 mesi.

La scelta di inizare la rubrica InvecchiatIGP con il Rosso dell’Uccellaia 2006 è dovuta sostanzialmente alla sorpresa di incontrare e degustare un rosso dei Colli Piacentini, cosa non proprio scontata (!!), così vivo, elegante e complesso dopo 15 anni dall’annata di produzione.

La longevità di questo Rosso, che affonda le sue radici all’interno di un mix di struttura e acidità, caratteristiche fornite anche dal terreno di argille rosse dove sono piantate le vigne, è evidente appena si mette il naso nel bicchiere dove si percepisce la verticosa profondità giocata su due piani diversi, uno pulsante, estroverso, veicolato dall’alcol (rosolio, essenze di rosa e viola, terra rossa, brace) e l’altro di bacche rosse aspre e selvatiche, scolpito dalla vibrante freschezza. Il congegno funziona anche al gusto, in cui un tannino abbondante ma ben domato dal tempo accompagna il degustatore verso un’uscita espressiva e lunghissima di aromi fruttati a cui fa eco, in fondo, una vena minerale di abbagliante chiarezza.

Recommended Articles

Leave a Reply