Origine e raccolta delle banane

Pubblicato il
11 Agosto 2022
1900Cucina
1900Cucina

Che siate in partenza per Rio seguendo la scia colorata del cappello di frutta di Carmen Miranda o che siate seduti sul vostro divano a contemplare l’universo, la banana può sempre accompagnarvi. Sono tanti gli aspetti di questo strano e meraviglioso frutto. Persino la sua forma è un po’ misteriosa; evoca immagini di isole tropicali e giornate piene di sole.

“Abbiamo il tomahto all’antica, il potahto di Long Island, ma sì, non abbiamo banane. Oggi non abbiamo banane…”

Canzone popolare di Frank Silver e Irving Cohen (1923).

Da dove deriva la parola banana?

Sapevate che la parola “banana” deriva dall’arabo e significa dito? Non vi viene da chiedervi dove sia il resto della mano? Sono appassionata di banane fin da quando ero bambina e Miss Chiquita, disegnata da Dik Brown che ha creato anche i bambini Campbell, mi cantava attraverso la televisione nel salotto dei miei genitori (mi sono sempre chiesta perché non abbia mai avuto uno show tutto suo. Era molto più carina di Ed Sullivan). Ricordate le sue parole:

Sono Chiquita Banana e sono qui per dirvi che
Le banane hanno bisogno di maturare in un modo speciale
Quando sono macchiate di marrone e hanno una tonalità dorata
Le banane hanno il sapore migliore e sono le migliori per voi.

Miss Chiquita


Valori nutrizionali delle banane

Non per paragonare le mele alle arance, ma piuttosto le mele alle banane: una banana ha meno acqua, il 50% in più di energia alimentare, quattro volte le proteine, la metà dei grassi, il doppio dei carboidrati, quasi tre volte il fosforo, cinque volte la vitamina C e il ferro e almeno il doppio di altre vitamine e minerali rispetto a una singola mela! L’americano medio mangia 33 chili di banane all’anno. Ottima fonte di potassio e carboidrati, possono essere consumate in qualsiasi momento della giornata grazie alle loro proprietà digestive. Lo zucchero naturale fornisce energia per gli sport che richiedono resistenza e le basse proporzioni di cloruro di sodio ne fanno una buona raccomandazione per le diete prive di sale.

Origine delle banane

Tutto questo è impressionante, lo so, ma da dove viene la banana? È arrivata come un enigma insieme all’uovo o alla gallina, o entrambi l’hanno preceduta? I testi buddisti del 600 a.C. menzionano la banana per la prima volta nella storia. Alessandro Magno assaggiò le banane nella Valle dell’Indo nel 327 a.C. e ai suoi tempi le chiamava pala. La Cina registra la presenza di piantagioni di banane già nel 200 d.C. (molto prima della nascita della Scarlet OHara). Nel 650 d.C. i conquistatori islamici portarono le banane in Palestina e attraverso il commercio le diffusero in tutta l’Africa. Il Nuovo Mondo non ne conosceva l’esistenza fino al 1516, quando i primi ceppi furono portati qui dal missionario spagnolo Padre Tomas de Berlanger. Alla faccia dei viaggi.

Come crescono le banane?

L’intera questione è estremamente confusa. Il banano stesso (anche se non è un albero ma una pianta gigante) è per definizione un’erba. Che cos’è un’erba? Senza passare dal via o raccogliere 200 dollari, la risposta è una pianta da fiore con un fusto carnoso, piuttosto che legnoso. Ogni stelo è composto da dieci-quattordici mani, ognuna delle quali porta da diciotto a venti banane. Il fusto, tuttavia, è falso, formato da foglie strettamente avvolte e sovrapposte, simili a gambi di sedano. La pianta appartiene alla stessa famiglia dei gigli, delle orchidee e delle palme e il frutto è una bacca. Per definizione, una bacca è un frutto semplice con una buccia che circonda uno o più semi in una polpa carnosa. Una banana tagliata nel senso della lunghezza rivela al suo interno piccolissimi semi neri. Pertanto, la banana è un frutto, un’erba, una bacca e una pianta allo stesso tempo. L’espressione “andare a banane” è probabilmente entrata in voga nel periodo in cui tutti questi termini venivano definiti, non credete?

Quante varietà di banane ci sono nel mondo?

Esistono circa quattrocento varietà diverse di questo favoloso frutto, ma non ditelo a Carmen Miranda. (A parte il fatto che è morta e non è possibile, non c’è modo che quella donna riesca a mettere un altro pezzo di qualcosa sopra uno dei suoi cappelli). Le tre principali marche importate sono Chiquita, Bonita e Fyffes. La Chiquita (secondo lei, di cui mi fido implicitamente) è sempre una garanzia di qualità. I suoi siti di produzione si trovano in Honduras, Panama, Costa Rica e Colombia. La banana Bonita proviene dall’Ecuador ed è la più economica delle tre, ma solo perché non viene mai pubblicizzata. Fyffes, fondata nel 1888, ha il primato di essere il marchio di frutta più antico del mondo. Queste banane sono prodotte in Belize, Colombia, Honduras, Suriname, Giamaica e Isole Windward.

Come avviene la raccolta delle banane?

La raccolta è una corsa contro il tempo che inizia quando la banana è ancora verde. Dalla raccolta alla consegna al supermercato passano venti giorni prima che si verifichi il deterioramento. Il trasporto avviene con navi da carico refrigerate specializzate, ognuna delle quali contiene circa 250.000 scatole di banane raccolte il giorno prima. Le banane vengono stoccate in “celle di maturazione” per sei-otto giorni a una temperatura che non può superare i 14,5°C. Questa temperatura permette una maturazione omogenea. Questa temperatura permette una maturazione omogenea delle banane di diverse dimensioni.

Il colore della buccia delle banane

Il colore della buccia di una banana indica il suo grado di maturazione, ma ecco una guida più precisa. Le banane verdi non sono mature, ma possono essere tranquillamente utilizzate in zuppe e stufati. Il colore giallo con punte verdi indica che il frutto è parzialmente maturo e può essere cotto alla griglia, al forno o fritto. Tutte le banane gialle sono mature e vanno consumate crude o cotte in torte o crostate. Le banane gialle con lentiggini marroni sono completamente mature e possono essere consumate crude, in insalata o in qualsiasi altro piatto che richieda frutta non cotta. Tutte le banane marroni sono troppo mature, ma se la polpa è soda sono ancora in ottime condizioni di consumo. Le aree annerite indicano un frutto ammaccato e devono essere evitate.

Le banane in cucina

Le banane possono essere utilizzate in centinaia di piatti preparati in altrettanti modi. Arrostite, fritte, cotte al vapore, bollite, al forno, saltate in padella o mangiate crude, il risultato è sempre delizioso. I frutti di questa pianta sono, per così dire, molteplici e possono essere utilizzati come condimenti, ripieni per oca, anatra, tacchino o pollo, salse, creme spalmabili, gelatine, marmellate, caramelle, ripieni per dolci e torte, farina per il pane e frutta fresca per le insalate. Non c’è molto che non si possa fare con una banana (tranne forse pagare una bolletta). Sono sicuro che Carmen Miranda amasse le banane in tutti i modi, ma morendo così giovane, mi chiedo se non ne abbia messe più sui suoi cappelli di quante ne abbia mai mangiate. Chiquita avrebbe potuto dirle la verità, ma l’avrebbe ascoltata? In qualche modo tendo a dubitare che quelle due sarebbero mai andate d’accordo!

Photo by Eiliv-Sonas Aceron on Unsplash

ABBONATI GRATUITAMENTE

Ricevi le ricette gratuitamente via email o Telegram.

Follow Rounded Edges 275x50

ABBONATI GRATUITAMENTE
Seguici sui social e rimani aggiornato.

© Tutti i diritti riservati