Sformato di lattuga, un secondo che non ti aspetti

sformato-di-lattuga,-un-secondo-che-non-ti-aspetti

La lattuga è una delle insalate più consumate al mondo. Il suo sapore inconfondibile accompagna i piatti di tutto il mondo ed è un perfetto contorno rapido. Non necessita di cottura e la troviamo sia fresca dal fruttivendolo che in busta, pronta all’uso. Lo sformato di lattuga, un secondo che non ti aspetti, è un modo inusuale per consumare questo ortaggio consumato in tutto il mondo. L’unione della lattuga con la panna rendono il nostro piatto appetitoso e di facile realizzazione. Vediamo come realizzare lo sformato di lattuga, un secondo che non ti aspetti.

Ingredienti

  • 800 gr di lattuga a cappuccio;
  • 1 cucchiaio di farina di frumento integrale;
  • 3 uova;
  • 200 ml di panna da cucina;
  • 1 pizzico di noce moscata;
  • peperoncino rosso in polvere;
  •  olio d’oliva;
  • pangrattato;
  • sale qb.

Procedimento

Lavare bene la lattuga, asciugarla e tagliarla a listarelle sottili. Cospargerla di sale, farina, noce moscata, peperoncino. Rimestare la lattuga così condita in un’ampia insalatiera. A parte, battere insieme le uova senza montarle troppo e aggiungervi la panna a filo, mescolando bene per amalgamare tutti gli ingredienti. Versare quindi il composto sulla lattuga e continuare a mescolare per bene il tutto.

Monete rare

Prendere uno stampo da plum-cake e ungerlo per bene, spolverizzarlo di pangrattato e versarvi dentro il composto. Livellare il composto e cospargerlo sulla superficie con altro pangrattato.

Accendere il forno a 200° in modalità statica. Infornare il nostro sformato per circa una mezz’ora. Passato questo tempo, spegnere il forno e aspettare che lo sformato si raffreddi senza tirarlo fuori dal forno caldo. Una volta trascorso il tempo necessario, prendere un piatto da portata, sformare lo sformato e servirlo freddo.

Può essere accompagnato a un contorno di patate fatte saltare in padella con poco olio o con un contorno più “robusto”, come per esempio dei peperoni ripassati in padella. L’importante è servire lo sformato ben freddo.

Recommended Articles

Leave a Reply