Ricetta Passatelli di Romagna con tartufo estivo – chef Stefania Baldisarri – Osteria del Vicolo Nuovo – Imola

ricetta-passatelli-di-romagna-con-tartufo-estivo-–-chef-stefania-baldisarri-–-osteria-del-vicolo-nuovo-–-imola

Stefania Baldisarri, chef del ristorante Osteria del Vicolo Nuovo di Imola (BO) ci propone la sua ricetta dei Passatelli di Romagna con tartufo estivo.

Categoria: Primo piatto

Piatto regionale: Emilia Romagna


Chef: Stefania Baldisarri

Ristorante: Osteria del Vicolo Nuovo

Via Codronchi, 6 – Angolo Via Calatafimi

40026 Imola (BO)

Tel. 0542 32552

http://www.vicolonuovo.it

ambra@vicolonuovo.it



Ingredienti per 6 persone:

gr. 270 di pane comune grattugiato

gr. 70 di farina 00

gr. 280 di Parmigiano grattugiato

6 uova

noce moscata

sale e pepe

tartufo

brodo



Procedimento:

Su di un tagliere si uniscono pane, farina, sale e pepe, Parmigiano Reggiano e noce moscata.

A questo punto si impasta il tutto rigorosamente a mano, unendo le uova. Si deve ottenere un composto abbastanza consistente.

Si preparano delle pallotte per ogni porzione, da schiacciare o con l’apposito ferro o con lo schiacciapatate. Quando il brodo bolle si buttano e appena riemergono sono cotti. Togliete i passatelli dal brodo, e fateli saltare con la salsa fuori dal fuoco.

Coprite con il tartufo.

Per la salsa:

1 rosso d’uovo,

sale, pepe

Parmigiano

panna fresca

tartufo

Sbattere con una frusta tutti gli ingredienti e fare intiepidire

Note dello chef:

Con la bella stagione cogliamo l’occasione per avvicinarci al meno pregiato tartufo nero che, la Francia insegna con il nero di Périgord, può darci grandi soddisfazioni, ad un costo più accessibile. Ecco una ricetta che lo esalta in felice abbinamento con un classico del nostra tradizione: i morbidi, voluttuosi passatelli.

I vini da abbinare dovranno essere profumati e non troppo alcolici, che facciano da giusto contrappunto all’aroma del tartufo senza soffocarlo, considerando ad esempio come i tartufi neri, risultino essere i più intensi al palato e caratterizzati da una leggera nota gustativa amarognola, la quale deve essere contrastata da un’adeguata morbidezza del vino.

Può essere proposto quindi l’abbinamento con un rosato, facendo riferimento a quelli che sono dotati di profumi intensi, maggiore morbidezza e giusta freschezza, per esempio Impressioni di Settembre di Leone Conti.

Buon appetito!

Recommended Articles

Leave a Reply