Queste pentole a pressione sono pericolose e devi sbarazzartene, la lista dei marchi “incriminati”

queste-pentole-a-pressione-sono-pericolose-e-devi-sbarazzartene,-la-lista-dei-marchi-“incriminati”

Migliaia di consumatori inconsapevolmente possiedono una pentola a pressione difettosa. Un’indagine francese va sulle tracce di questi pericolosi dispositivi.

La pentola a pressione è uno strumento indubbiamente comodo e pratico per cucinare, visto che riduce notevolmente i tempi di preparazione dei cibi e ne conserva al meglio tutti i nutrienti. Bisogna però saperla utilizzare correttamente e stare attenti a non avere in casa dei modelli che, nel corso degli ultimi anni, sono stati ritirati per motivi di sicurezza.

Le pentole a pressione, proprio per il loro sistema di cottura che si basa su una chiusura ermetica che permette lo sviluppo di una pressione interna molto elevata, vanno utilizzate con molta cura e attenzione. Potenzialmente, infatti, si rischia una possibile esplosione della pentola, evento molto raro ma non impossibile.

Vi abbiamo già parlato di come utilizzare la pentola a pressione al meglio e in completa sicurezza. A questo proposito leggi: Pentole a pressione, sono pericolose? Vantaggi e come usarle in sicurezza.

In Francia, negli ultimi anni, sono stati trovati ben 13 modelli di pentole a pressione (molti dei quali non venduti nel nostro paese ma che potrebbero ad esempio essere stati acquistati online) che avevano un difetto di blocco nel loro coperchio o altri gravi problemi nello standard di sicurezza. Non a caso si erano verificati diversi incidenti.

La campagna di controllo delle pentole a pressione è stata condotta, per l’intera Francia, dalla direzione regionale per l’ambiente, la pianificazione e l’edilizia abitativa dell’Hauts-de-France (Dreal). Questa ha scoperto carenze preoccupanti nelle pratiche di alcuni produttori.  

Per la maggior parte dei modelli interessati, i test di laboratorio hanno dimostrato che la pentola a pressione poteva essere aperta mentre era sotto pressione, esponendo quindi gli utilizzatori a potenziali gravi rischi.

Come dicevamo, in Francia negli ultimi anni sono stati richiamati tredici modelli. Vediamo quali sono.

Le pentole a pressione richiamate

Questi sono i marchi e i modelli delle pentole a pressione richiamate a partire dal 2018 e fino al dicembre 2020:

  • Arthur Martin. Set click-clack AM2240 (4 le 7 l), richiamato nell’agosto 2018 .
  • Artmetal . Il maestro cucina 9 l, richiamato nel novembre 2018 .
  • Bäcken. Nuovo Kool’or DSW22-7L, richiamato a novembre 2018 .
  • Bäcken. Steamcook DS24D2-8L, richiamato a luglio 2019 .
  • Beka. Modello 16303764 (6 l), richiamato a dicembre 2018 .
  • Berlinger Haus. Turbo Easy Open & Close (Granit Diamond Line) BH-1438, richiamato nell’agosto 2020 .
  • Berlinger Haus. Turbo BH-1081 (6 l, 8 l), richiamato nell’agosto 2020 .
  • Herzberg. Cucina sana HG-PS8 (8 l), richiamata a dicembre 2020 .
  • Casa. Emma 7 l, ricordata nel febbraio 2020 .
  • Ogo Living. Gusto DSD 22-7.5, richiamato nell’aprile 2019 .
  • Torre. T90103 tipo DSS 22-6, richiamato a febbraio 2019 .
  • Torre. DSS 22-4 (4 l), 22-5 (5 l), 22-7 (7 l), richiamato a maggio 2019 .
  • Torre. T90101 tipo ASMB 22 (3 l, 4,5 l, 6 l, 7,5 l), richiamato a luglio 2019

Le suddette pentole a pressione sono state ritirate per diversi motivi: potevano scoppiare quando erano sotto pressione, la valvola non rilasciava vapore, guasti del sistema di sicurezza, non erano certificate da un ente competente e altro.

Come avrete notato, non compare nessun modello delle marche più famose (Seb, Sitram, Lagostina). Tuttavia, le pentole a pressione richiamate sono state vendute in grandi quantità, non solo nei supermercati francesi ma anche su note e utilizzatissime piattaforme di vendita online, come Amazon, Veepee o Cdiscount.

Il problema è che molti acquirenti potrebbero non essere mai venuti a conoscenza dei rischi e quindi migliaia di consumatori, inconsapevolmente, potrebbero ancora possedere una delle sopraelencate pentole a pressione difettose. 

Fonte: 60 Millions de Consommateurs

Leggi anche:

Recommended Articles

Leave a Reply