Quel vino, simbolo di un amore

quel-vino,-simbolo-di-un-amore

Galesa è un acronimo, ma sarebbe meglio dire che è una storia d’amore. Il “Ga” è Gavino, il “Le” è Lella e il “Sa” è il loro cognome, Sanna. Lui è il pubblicitario italiano più famoso di tutti i tempi, lei è la donna che ancora lo tiene per mano dopo oltre quarant’anni di vita al suo fianco. Sempre insieme, anche quando Gavino si è ritirato dal mondo della pubblicità e, nel 2004, ha fondato Mesa, cominciando a produrre vino nella sua Sardegna, che aveva lasciato da giovane in cerca di fortuna.
Galesa è anche il nome dell’ultimo bianco nato in casa Mesa, un Vermentino prodotto in poche bottiglie (sono solo 3mila), che profuma di frutta gialla ed erbe mediterranee, di spezie dolci e della salsedine che il vento trasporta dal vicino mare alle vigne. È un vino prezioso, pensato perché possa durare nel tempo e accompagnare piatti importanti a base di pesci nobili, come il San Pietro con i carciofi, le carni bianche, come la faraona al limone, e i primi piatti più saporiti, come la pasta con le sarde. Si affianca agli altri due Vermentini di Mesa, il Giunco, fresco e sapido, perfetto per gli aperitivi in riva al mare, e l’Opale, più strutturato e molto adatto con un piatto di tagliolini con la bottarga, una frittura di paranza o una grigliata di pesce.

L’uva rossa del Sulcis

Galesa fa parte della linea Incanto, insieme con il Gavino, un rosso lanciato nel 2014, in occasione dei primi dieci anni di attività di Mesa. È fatto con l’uva simbolo di questa zona, il Carignano del Sulcis, un vitigno capace di adattarsi alle alte temperature, ai periodi siccitosi e alla peculiare salinità di questo angolo sudoccidentale di Sardegna. Dà vita anche alle due etichette più famose della cantina, il Buio e il Buio Buio; ma anche al Forterosso, un raro passito che sta bene con i dolci a base di cioccolato e di frutti di bosco, e al Rosa Grande, un rosato delizioso e molto versatile in tavola, da stappare con i taglieri di salumi e formaggi, con i crostacei, i primi con sughi di pomodoro e perfino con la pizza.

Vermentino

Verso nuove avventure

Dal 2017 cantina Mesa fa parte di Santa Margherita Gruppo Vinicolo, che ha portato in Sardegna il know-how e gli investimenti necessari per far crescere ulteriormente questa importante realtà sarda. Gli ettari di proprietà sono attualmente 73, di cui 66 in produzione; i prossimi obiettivi sono quelli di terminare i reimpianti e di arrivare a una zonazione del parco vigneti che permetterà di innalzare ancora il livello qualitativo dei vini e, chissà, di creare qualche nuova etichetta, per cui Gavino si inventerà un altro nome geniale.

Vermentino

Recommended Articles

Leave a Reply