Orii del Lazio, 11 etichette di olio regionali in finale all’Ercole Olivario

orii-del-lazio,-11-etichette-di-olio-regionali-in-finale-all’ercole-olivario

Si è svolta nella Sala del Tempio di Adriano della Camera di Commercio di Roma, in modalità virtuale, la cerimonia ufficiale di premiazione dei vincitori di “Orii del Lazio – Capolavori del gusto”, 28° Concorso regionale per i migliori oli extravergine di oliva. Hanno partecipato 48 aziende per un totale di 58 etichette e saranno 11 le etichette del Lazio che parteciperanno alla selezione finale dell’Ercole Olivario.

Hanno partecipato 48 aziende per un totale di 58 etichette Orii del Lazio, 11 etichette regionali in finale all’Ercole Olivario

Hanno partecipato 48 aziende per un totale di 58 etichette

Il concorso è promosso da Unioncamere Lazio, l’Unione delle Camere di Commercio del Lazio che, nel quadro delle iniziative promozionali a sostegno del settore agricolo, rivolge la massima attenzione alla filiera olivicola attraverso una serie di iniziative a supporto delle imprese del settore.

Un momento di valorizzazione del comparto

I lavori sono stati introdotti e moderati da Pietro Abate, segretario generale di Unioncamere Lazio, che ha sottolineato l’importanza del concorso regionale che si conferma come alto momento di valorizzazione delle produzioni olivicole regionali. Strategico il ruolo del concorso poi in un’annata, come quella attuale, in cui si registra un incoraggiante segnale di ripresa produttiva e la conferma delle ottime caratteristiche del prodotto regionale.

«Ben 82mila ettari coltivati a olive e quattro Dop dai diversi territori sono elementi – spiega Lorenzo Tagliavanti, presidente di Unioncamere Lazio – che danno un’idea immediata della rilevanza degli oli extravergine nel panorama delle nostre eccellenze agro-alimentari».

Video promo sul territorio olivicolo del Lazio

In omaggio all’eccellenza del prodotto e al suo territorio Unioncamere Lazio ha lanciato, in anteprima assoluta, in occasione di questa edizione lo speciale video promo che Unioncamere Lazio ha realizzato per accompagnare in Italia e anche all’estero la conoscenza della qualità dell’olio della regione contestualizzato nei diversi territori di provenienza.

Da Viterbo 21 etichette in concorso

La selezione si conferma come una importante certezza per le imprese facendo registrare la partecipazione di 48 aziende per un totale di 58 etichette, con una prevalenza delle province di Viterbo e Roma, rispettivamente con 21 e 14 prodotti in concorso, seguite da Latina con 12 oli partecipanti, 6 da Rieti e 5 da Frosinone. Ben 30 aziende hanno manifestato interesse a partecipare al concorso nazionale “Ercole Olivario” con 37 oli. Oltre alla categoria extravergine di oliva, dunque, sono in concorso le 4 denominazioni regionali: Sabina Dop, Canino Dop, Tuscia Dop e Colline Pontine Dop.

I premi sono attribuiti ai primi due classificati per ognuna delle categorie in concorso (Dop ed extravergine) che si articolano, sulla base del fruttato, in leggero, medio e intenso.

I vincitori sono stati selezionati attraverso specifiche sessioni di assaggio da una commissione esaminatrice composta da degustatori professionisti individuati, tra l’altro, in base all’anzianità di iscrizione nell’Albo ufficiale degli assaggiatori ed all’esperienza specifica di sedute di assaggio degli oli regionali. I lavori del panel si sono svolti nel laboratorio chimico merceologico della Camera di Commercio di Roma.

Lazio, con l’Umbria, in testa alle regioni italiane dell’Ercole Olivario

Quest’anno saranno 11 le etichette del Lazio che approderanno alla selezione finale dell’Ercole Olivario: un risultato straordinario che colloca la regione al primo posto insieme all’Umbria tra le 17 regioni italiane partecipanti.

La presenza del Lazio nella storia del concorso nazionale del resto è sempre stata all’insegna del successo. In passato, su 29 edizioni dell’Ercole, gli oli della regione sono saliti sul podio nazionale con più olii nelle diverse categorie, in occasione di ben 27 edizioni a dimostrazione del primato qualitativo del Lazio che vanta radici antiche.

Obiettivo: stimolare i produttori

Pur mantenendo l’originale connotazione di selezione regionale per il Premio nazionale, il concorso “Orii del Lazio”, nel corso degli anni, ha assunto sempre maggior prestigio e visibilità. Rappresenta infatti un momento significativo sia per stimolare i produttori verso un percorso di costante crescita qualitativa, sia per indirizzare i consumatori verso l’acquisto di oli extravergine di oliva di qualità del territorio.

Hanno preso parte ai lavori David Granieri, componente di Giunta della Camera di Commercio di Roma in rappresentanza del settore agricolo, i rappresentanti delle Associazioni di categoria di settore (Cia, Coldiretti, Confagricoltura).

Un interessante contributo sulle leve della comunicazione vincente per impostare strategie commerciali di successo dove la valenza territoriale gioca un ruolo di primo piano lo ha fornito Antonio Paolini giornalista enogastronomico. Il professor Giorgio Calabrese si è soffermato invece sul valore aggiunto in termini nutrizionali fornito dall’alimento olio nella dieta quotidiana.

L’Assessore all’ Agricoltura, Foreste, Promozione della Filiera e della Cultura del Cibo, Pari Opportunità della Regione Lazio Enrica Onorati ha espresso un ringraziamento a Unioncamere Lazio e AgroCamera «per il felice prosieguo di un concorso, che ormai supera – per visibilità e importanza – i nostri confini regionali, dando un segnale importante di sostegno e di stimolo ai produttori del Lazio in un momento tanto complesso quanto delicato. Un plauso anche per aver accompagnato questa edizione con uno speciale promo per raccontare, in Italia e all’estero, il nostro preziosissimo patrimonio olivicolo, dando a ogni provincia il proprio giusto riconoscimento. I numeri di questa edizione, 48 aziende per un totale di 58 etichette, raccontano la storia dei nostri produttori, donne e uomini che non si sono mai fermati, ma che anzi hanno garantito senza soluzione di continuità anche durante la pandemia la produzione e il rifornimento agroalimentare a livello regionale e nazionale. A loro la mia stima e il mio ringraziamento, nella speranza di poterci vedere presto in presenza per tornare a promuovere – in Italia e nel mondo – le nostre eccellenze agroalimentari».

Come sempre Unioncamere Lazio, con il supporto tecnico di Agro Camera, proseguirà il proprio impegno a supporto del prodotto locale in occasione di diverse iniziative anche successivamente al Concorso con un occhio attento al mercato nazionale ed internazionale.

L’organizzazione tecnica del concorso è stata curata da Agro Camera, Azienda Speciale della Camera di Commercio di Roma per lo sviluppo del settore agroalimentare.

Gli oli premiati

EXTRA VERGINE

FRUTTATO INTENSO

1°    Az. Agr. Biologica Quattrociocchi Americo Alatri FR Olivastro

2°    Soc. Agricola Colli Etruschi Soc. Coop. Blera VT Io Bio

Menzione speciale: Az. Agr. Mazzi Mirella Ischia di Castro VT Mazzi Mirella

FRUTTATO MEDIO

1°    Agricola Colfiorito 1974 s.r.l. Castel Madama RM  Cocceio

2°    Az. Agr. laRiservaBio di De Rossi Anna Maria Tuscania VT Rivellino

FRUTTATO LEGGERO

1°    Az. Agr. Olio Sapora Tarano RI Olio Sapora

2°    Frantoio Oleario Colli Verolani s.a.s. Veroli FR Olio Sant’Anna

SABINA DOP

FRUTTATO MEDIO

1°    Frantoio Oleario F.lli Narducci s.r.l. Moricone RM Frantoio Fratelli Narducci

2°    Az. Agr. Ceccarelli s.s. Fara in Sabina RI Colle San Lorenzo

FRUTTATO LEGGERO

1°    Soc. Agr. Colle Difesa s.s. Palombara Sabina RM Colle Difesa

2°    Az. Agr. Domenici di Domenici Rosanna Palombara Sabina RM Sabina DOP



CANINO DOP

FRUTTATO INTENSO

1°    Frantoio Gentili s.r.l. Farnese VT Canino DOP

2°    Oleificio Sociale Cooperativo di Canino Soc. Coop. Agr. Canino VT Canino DOP

FRUTTATO MEDIO

1°    Società Cooperativa Olivicola di Canino a r.l. Canino VT Canino DOP

2°    Az. Agr. Laura De Parri Canino VT Cerrosughero Selezione Oro

FRUTTATO LEGGERO

1°    Frantoio Archibusacci dal 1888 s.r.l. Canino VT Principe di Canino

TUSCIA DOP

FRUTTATO INTENSO

1°    Soc. Agricola Colli Etruschi Soc. Coop. Blera VT EVO

2°    Soc. Agr. Sciuga s.s. Montefiascone VT Il Molino Tuscia DOP

FRUTTATO MEDIO

1°    Az. Agr. Etruscan Kantharos di Gelsomini Flavia Marta VT Tuscia DOP

2°    Frantoio Tuscus di Giampaolo Sodano e C. s.a.s. Vetralla  VT Tuscus



COLLINE PONTINE DOP

FRUTTATO INTENSO

1°    Az. Agr. Iannotta Lucia Sonnino LT Olio Iannotta

2°    Az. Agr. Cosmo Di Russo Gaeta LT Don Pasquale

Menzioni speciali Az. Agr. Alfredo Cetrone Sonnino LT Cetrone Colline Pontine DOP

    Az. Agr. Biologica Paola Orsini Priverno LT Orsini Colline Pontine DOP

FRUTTATO MEDIO

1°    Az. Agr. Casino Re di Coletta Filomena Sonnino LT Casino Re Colline Pontine DOP

SEZIONE OLIO BIOLOGICO

1°    Az. Agr. Biologica Paola Orsini Priverno LT Orsini Colline Pontine DOP

SEZIONE OLIO MONOVARIETALE

1°    Az. Agr. Iannotta Lucia Sonnino LT Olio Iannotta

SEZIONE OLIO AD ALTO TENORE DI POLIFENOLI E TOCOFEROLI

1°    Az. Agr. Iannotta Lucia Sonnino LT Olio Iannotta

MIGLIORE CONFEZIONE “PREMIO TONINO ZELINOTTI”

1°    Az. Agr. Casino Re di Coletta Filomena Sonnino LT Casino Re Colline Pontine DOP

PREMIO “GRANDI MERCATI”

1°    Soc. Agricola Colli Etruschi Soc. Coop. Blera VT Io Bio

PREMIO DELLA CRITICA

1°    Az. Agr. Biologica Quattrociocchi Americo  Alatri FR Olivastro

HOME  >  OLIO  >   >  Orii del Lazio, 11 etichette di olio regionali in finale all’Ercole Olivario – Italia a Tavola

Recommended Articles

Leave a Reply