Numa al Circo a Roma. Una giostra gastronomica a pochi metri dal Circo Massimo

numa-al-circo-a-roma.-una-giostra-gastronomica-a-pochi-metri-dal-circo-massimo

Roma continua a proporre nuove sfide imprenditoriali che si fanno spazio in un panorama ristorativo piegato dalla crisi, ma tenace. Al Circo Massimo, Davide Cianetti apre Numa al Circo. Più anime in un solo spazio.




LEGGI TUTTI GLI ARTICOLI


THE BEST IN ROME & LAZIO

Numa al Circo. Un nuovo progetto romano

La Roma ristorativa, nonostante tutto, continua a essere animata da una progettualità che sfida uno dei periodi più bui per l’iniziativa imprenditoriale (e non solo nel settore enogastronomico). Di aperture coraggiose e nuovi progetti abbiamo parlato a più riprese nelle ultime settimane, e ci sarà modo di farlo ancora nei prossimi giorni. Numa al Circo esordisce con l’ambizione di condurre i propri ospiti in una giostra gastronomica, allestita a pochi metri dal Circo Massimo, nel centro della città. Il ristorante inaugura il 21 dicembre, anche se  avrà modo di esprimersi al meglio solo dopo le feste, quando terminerà (speriamo) l’ennesima stretta del governo per scongiurare la famigerata terza ondata di contagi. Fautore del progetto è Davide Cianetti (che da tempo milita nelle fila della ristorazione romana, dopo una formazione al Convivio Troiani, poi con il suo primo ristorante Iolanda, e negli anni a seguire all’Os Club sul Colle Oppio, in veste di executive chef  da Pierluigi, e al Bolognese in piazza del Popolo, solo per citare la sue esperienze più significative) che ha immaginato la sua giostra come uno spazio che vive per tutta la giornata, con la complicità di Repubblica Gastronomica, responsabile per lo sviluppo delle atmosfere che Numa al Circo vuole evocare.

La sala di Numa al Circo

L’allestimento del locale, invece, è stato curato da RPM Proget, che ha puntato all’utilizzo di materiali naturali (legno, vetro e materiali di recupero, come le cementine del pavimento, in arrivo da una villa antica) per ridurre al minimo l’impatto ambientale e limitare il ricorso alla plastica. Gli ospiti potranno contare su un dehors spazioso, o accomodarsi nella sala interna, che al momento può accogliere 50 persone (saranno 100 quando la situazione tornerà alla normalità).

Il dehors di Numa al Circo

Una giostra gastronomica al Circo Massimo

Lo spazio è ampio, sviluppato su duecento metri quadri, e caratterizzato da isole tematiche, partendo dal bancone del cocktail bar, per proseguire verso la Salumeria, la Pizzeria e la Dispensa dei dolci. L’idea nasce con un’impostazione internazionale, non a caso: qualche mese fa, Davide Cianetti era pronto a intraprendere una nuova avventura a Miami. A causa della pandemia è rientrato a Roma, ma non si è arreso, e con il supporto di Michael Longo ha deciso di concretizzare il progetto nella Capitale, lasciando invariata l’ambizione di offrire uno spazio dedicato al buon cibo e allo svago, che nello specifico si concretizzerà tra pizzeria e cucina, salumeria e cocktail bar (dunque, proprio come sta avvenendo in piazza Mazzini, con Prati Rione Gastronomico, sembra esserci nuovo spazio per locali che puntano a diventare salotti cittadini incentrati sulla qualità dell’offerta food&beverage).

L'amatriciana di Numa al Circo

Il menu dei prodotti laziali

Servizio informale, offerta variegata, ma con l’obiettivo ben chiaro di impostare il lavoro con serietà, a partire dalla selezione delle materie prime, molte di origine laziale, tramite il lavoro sul territorio di High Quality Food (dalla carne di marango al pecorino romano, al prosciutto di Bassiano). Questo si tradurrà, per esempio, nella proposta regionale del banco salumeria, tra prosciutti e insaccati accompagnati da gnocco fritto, Porchetta dei Castelli Romani, Carne secca di Manzo Kosher, e una selezione dei formaggi del territorio serviti con miele e mostarde. Dalla cucina, invece, tanti primi piatti a base di pasta fresca, come i Tonnarelli Cacio e Pepe (12 euro) o gli Strozzapreti all’Amatriciana e le Fettuccine alla Gricia con i carciofi (14). Terra e campagna saranno protagoniste anche tra i secondi piatti, dal Maialino di latte in porchetta con senape di pomodoro verde e patate al pecorino (24) alla Costata di Marango alla griglia con patate arrosto 824), alle Puntarelle alla romana con salsa di alici e aglio (6).

Le torte di Numa al Circo

E per dessert (7) crostata di ricotta e visciole, sacher, torta di mele, con un’offerta che cambierà spesso, secondo stagionalità ed estro della pasticceria.

La pizza Roma di Numa al Circo

Si affianca il menu della pizzeria, curato da Fabio Caravella a partire da un impasto steso basso e croccante, per omaggiare la pizza romana; alla città sarà dedicata la pizza Roma, con carciofi alla brace, pomodori semisecchi e scaglie di pecorino (14), e non mancherà la pizza fritta (6), proposta con broccoletti e salsiccia di Monte San Biagio o con ricotta e mortadella. Chiude l’offerta la carta dei drink modulata sui classici della miscelazione e su signature cocktail ispirati all’immaginario circense, tra un Giocoliere e un Clown. Apertura dalle 10 alle 18, in attesa che si possa tornare ad aprire per il servizio serale (quando l’orario no stop si prolungherà dalle 10 alle 23).

Numa al Circo – Roma – viale Aventino, 20 – 0664420669 – www.numaroma.it

Recommended Articles

Leave a Reply