Nessuno aveva mai immaginato che si potesse pelare la verdura in questo modo semplicissimo

nessuno-aveva-mai-immaginato-che-si-potesse-pelare-la-verdura-in-questo-modo-semplicissimo

Tra i lavori da fare nella preparazione di un piatto, pelare la verdura non è certamente il più entusiasmante. Ci sono diversi modi e metodi per farlo, ma nessuno aveva mai immaginato che si potesse pelare la verdura in questo modo semplicissimo. E non solo: questo metodo funziona anche con frutta secca e mandorle.

Alla base di tutto c’è un po’ di chimica, come spesso capita in cucina, e una curiosità: l’uso del ghiaccio. Il passaggio rapidissimo da un estremo di temperatura all’altro infatti agisce sulla struttura molecolare della verdura. Questo ci permette di alterare alcune sue caratteristiche.

Spirulina

Sappiamo che questo è un metodo usato da molti chef per dare alle verdure colori accesi e croccantezza dopo la cottura, ma il ghiaccio ha altri segreti pronti per essere scoperti. Per esempio è utilissimo per impedire ai batteri di riprodursi, ed ha effetto anche contro i pesticidi.

Per prima cosa prepariamo una ciotola riempiendola con acqua fredda e ghiaccio, ma facendo attenzione a tenere d’occhio il livello durante tutto il procedimento. Man mano che si scioglie il ghiaccio infatti, il livello dell’acqua cambierà, e se non stiamo attenti potrebbe scendere o salire troppo.

Ora prendiamo la verdura che ci interessa e incidiamone la superficie con un coltello, disegnando una forma a X. A questo punto portiamo a ebollizione una pentola d’acqua, rigorosamente senza salare. Appena l’acqua bolle, immergiamo la verdura per una manciata di secondi, meno di un minuto.

Ora, con un mestolo forato, togliamo rapidamente la verdura e immergiamola nel nostro bagno ghiacciato. Lasciamo riposare per 5 minuti, e poi recuperiamola. A questo punto, per effetto dello shock termico, staccare la buccia a mano dovrebbe essere semplicissimo. In alcuni casi la buccia potrebbe persino separarsi da sola, rendendo il nostro compito ancora più facile!

Recommended Articles

Leave a Reply