Metti una sera a cena da Carlo al Naviglio, il nuovo bistrot di Cracco

metti-una-sera-a-cena-da-carlo-al-naviglio,-il-nuovo-bistrot-di-cracco
Una sera da Carlo al Naviglio
Una sera da Carlo al Naviglio
Una sera da Carlo al Naviglio
Una sera da Carlo al Naviglio
Una sera da Carlo al Naviglio
Una sera da Carlo al Naviglio
Una sera da Carlo al Naviglio
Una sera da Carlo al Naviglio
Una sera da Carlo al Naviglio
Una sera da Carlo al Naviglio
Una sera da Carlo al Naviglio

Come amante della buona ristorazione, non vedevo l’ora di tornare ad andare fuori a cena. Pronta la lista delle nuove aperture da testare, ho provato una delle ultimissime sulla piazza milanese: Carlo al Naviglio.

Lo spazio è curato ma informale, perfetto per godere al meglio della stagione in totale tranquillità. Grazie al dehors e al giardino, il ristorante è in grado di ospitare 80 coperti all’aperto nel pieno rispetto delle norme sanitarie. Non mancano però salette più riservate, per chi preferisse qualcosa di più intimo, e ampie sale per eventi per chi come noi già immagina di organizzare innumerevoli aperitivi in compagnia per provare l’intrigante e inedita drink list.

Ho scelto di provare il menù degustazione da quattro portate (65 euro, bevande escluse) che è in carta accanto ad uno da sei (85 euro). Oltre a questi, la carta potrebbe sembrare limitata (tre piatti per ogni portata) ma si sposa alla perfezione con l’anima del bistrot: più accessibile, contemporanea e sempre attenta alla stagionalità. A mio giudizio è ben studiata e comunque capace di regalare spunti interessanti. Sulla scia del menù, la cantina non è estesa, ma alla portata di tutti e conta una ventina di referenze tra bollicine, bianchi e rossi.

Quello che noto immediatamente è che tutti i piatti, inclusi gli stuzzichini di benvenuto, sono realizzati con ingredienti selezionati con cura e trattati con tecnica impeccabile. La degustazione mi ha consentito di provare 4 dei 12 piatti in carta, ma prima di parlare dei piatti principali vorrei soffermarmi su una delle entrée, la Focaccia all’acqua di patate con Prosciutto di Parma 36 mesi. Solo a leggere la descrizione, chiunque avrebbe già l’acquolina. Avete mai provato il prosciutto ammorbidito in olio? Forse no, e quando si assaggia poi se ne vorrebbe mangiare una teglia intera! 

Ma veniamo al dunque, il menù. Uovo o provola? ossia l’antipasto, perché l’uovo non poteva certo mancare trattandosi di in uno dei ristoranti di Carlo Cracco, e questo era davvero ottimo! Un uovo trattato con la tecnica di “affumicazione” della provola su crema di cannellini accompagnato da patate, cipolla rossa di Tropea, taccole e insalata osmotizzata. Pazzesco.

Come primo piatto, ho assaggiato i Manfredi tonno, caglio e papaccelle. Caglio e tonno delicati al palato per lasciar spazio alle caratteristiche note dolci del peperone. Pazzesco, ancora.

Un consiglio: cercate di trattenervi dal finire l’ottimo pane ai semi di lino lievitato 60 ore (magari con l’olio di cui sopra) prima del primo, altrimenti vi sentirete già pieni! Ma il campo di battaglia non si abbandona per cui ho proseguito con la Pancetta di maialino, asparagi e fragoline: viene cotta a bassa temperatura per non far irrancidire il grasso, potendola servire croccante e morbida al punto giusto, promossa. A chiudere in bellezza, il dolce, Banana, caramello e arachidi che per capirci meglio era composto da una base di morbido pan di spagna, gelato alla banana, croccanti arachidi glassati e una leggerissima spuma di mou, equilibrio perfetto senza eccedere con gli zuccheri. Pazzesco, l’ho già detto?

Un percorso da poco più di un’ora e mezza, accompagnato dalla gentile presenza di Enrico Ottaviano, in sala, che ha saputo coinvolgere con informale cura durante il percorso. Altra nota non trascurabile è stata l’atmosfera, una vera coccola regalata dalle rilassanti note del jazz di sottofondo (forse ispirato dalla vicinanza storica del jazz club Capolinea) e dalla mise en place dal gusto retrò, perfetta per uno scatto da veri instagrammers.

Sicuramente è stato tutto un po’ ovattato dall’emozione di ritrovarsi seduti a cena, al tavolo di un ristorante, dopo mesi di pentole e delivery ma da Carlo al Naviglio si sta un gran bene. Posso confidarvi un segreto? Ho teso l’orecchio durante gli ordini dei vicini commensali per spiare i loro ordini, segnandomi i piatti da assaggiare per la prossima volta! Certamente è il posto da mettere in lista per la prossima cena all’aperto, e poi c’è un altro dettaglio da non trascurare. Il ristorante si affaccia sul Naviglio Grande, nella parte del naviglio meno caotica restando facilmente raggiungibile senza la scusa del “non troverò parcheggio”. Dotato di un posteggio dedicato risolverà alla perfezione il problema lasciandovi un unico gustoso cruccio: la scelta dei piatti da ordinare.

Dove: Via Lodovico Il Moro 117, Milano
Quando: Lun – dom per pranzo, cena e aperitivo. 

Testo spontaneo e foto di Laura Magnago

Recommended Articles

Leave a Reply