Le mele cotte non saranno più le stesse con questo ingrediente speciale

le-mele-cotte-non-saranno-piu-le-stesse-con-questo-ingrediente-speciale

Le serate casalinghe d’inverno non saranno più le stesse dopo aver provato le mele cotte della nonna. Un dolce semplicissimo e genuino che accontenta tutti ma veramente tutti. Dai più piccoli ai più grandi, le mele cotte possono essere anche un’ottima merenda accompagnata da una crema pasticcera oppure per i più temerari, da una bella palla di gelato alla crema o alla vaniglia. Questa sera, la Redazione di ProiezionidiBorsa vuole proporre ai suoi Lettori una versione di mele cotte ancora più gustosa.

L’aggiunta del miele sarà la chicca che renderà il dessert unico da gustare in compagnia. Ecco la ricetta facile e molto veloce.

Smartwatch

Ingredienti

  • 600 g mele, possibilmente le Renette;
  • 20 gr di burro;
  • 30 ml di miele millefiori;
  • 1 cucchiaio di cannella;
  • acqua q.b.

Le mele cotte non saranno più le stesse con questo ingrediente speciale. Procedimento

Per realizzare mele cotte strepitose innanzitutto bisogna lavarle con cura. Togliere pian piano il torsolo con l’aiuto del cavatorsolo, uno strumento molto utile in questi casi. In mancanza dell’utensile anche un coltello andrà benissimo. In un pentolino far sciogliere il burro, il miele e la cannella. Mescolare per qualche minuto. Con questa gustosissima miscela spennellare le mele in abbondanza. Prendere una pirofila e disporre le mele al suo interno. Aggiungere l’acqua e far cuocere in forno alla temperatura di 170 gradi per circa un’ora. Le mele si insaporiranno pian piano e regaleranno un sapore senza tempo. Una volta cotte, lasciare intiepidire e prima di servire con un cucchiaio versare la glassa che si creerà sul fondo della pirofila sulle mele. Un tocco di classe per un dessert buono da leccarsi i baffi.

Se “Le mele cotte non saranno più le stesse con questo ingrediente speciale” è stato utile ai Lettori, si consiglia anche “Un amore senza tempo quello per le mele cotte della nonna” per la versione classica.

Recommended Articles

Leave a Reply