La pasta diventa solidale: 300mila piatti ai poveri per la Giornata mondiale

la-pasta-diventa-solidale:-300mila-piatti-ai-poveri-per-la-giornata-mondiale

27 settembre 2021 | 15:28

27 settembre 2021 | 15:28

Torna il World Pasta Day, manifestazione ideata e curata dai pastai di Unione Italiana Food e Ipo – International Pasta Organization, che ogni 25 ottobre celebra il piatto simbolo della condivisione e della convivialità che, soprattutto nell’ultimo anno, è stata il nostro bene rifugio, ci ha aiutato a sentirci uniti, a stare bene con le persone. Quest’anno, nella sua 23° edizione, la Giornata Mondiale della Pasta si celebrerà all’insegna della solidarietà verso i meno fortunati e chi sta subendo le conseguenze di questa pandemia, con la realizzazione di una social charity challenge d’eccezione e con l’hashtag di questo anno #Haveagoodpasta, che vede uniti i pastai italiani di Unione Italiana Food, le 4 Caritas sui territori nelle città di Milano, Roma, Napoli e Palermo e la community di pasta lover in una eccezionale donazione di 300mila piatti di pasta. Accessibile, buona, sostenibile, senza frontiere geografiche e culturali, la pasta può giocare un ruolo importante. Ora è il momento di essere vicini e solidali.

Il “cuore” della Giornata sarà la kermesse “

Al Dente, la kermesse ideata e promossa da Unione Italiana Food e giunta alla sua terza edizione. Amanti della cucina, ma anche gli absolute beginners ai fornelli, chef e ristoranti di tutto il mondo potranno unirsi in una spaghettata virtuale per “donare” un piatto di pasta ai meno fortunati. Per partecipare, da ora e fino al 25 ottobre, basterà postare sui propri canali social lo scatto di un piatto di pasta preparato con ingredienti semplici e di stagione con l’hashtag #Haveagoodpasta. Quanti più scatti di foto verranno condivisi, quanto più salirà il contatore sul sito dedicato di Al Dente, quanti più piatti di pasta doneranno i pastai italiani di Unione Italiana Food ai più bisognosi.

© Riproduzione riservata

LE ALTRE NOTIZIE IN TEMPO REALE

Loading...

Alberto Lupini

Recommended Articles

Leave a Reply