Insalate pronte: arrivano al supermercato quelle senza pesticidi coltivate in verticale con pochissima acqua

insalate-pronte:-arrivano-al-supermercato-quelle-senza-pesticidi-coltivate-in-verticale-con-pochissima-acqua

Il 16 settembre è arrivato, anche in alcuni punti vendita della grande distribuzione, un nuovo prodotto che ha delle caratteristiche interessanti. Si tratta delle insalate pronte all’uso di Planet Farm, coltivate in vertical farming, senza utilizzare pesticidi e con un grande risparmio d’acqua.

Sono già disponibili sugli scaffali di alcune catene della GDO (Esselunga, Il Viaggiator Goloso, Iper La Grande i, To.Market e Gorillas) le insalate “verticali” prodotte da Planet Farms, nello stabilimento di Cavenago di Brianza. Si tratta di prodotti pronti all’uso e disponibili in 4 varietà: un lattughino biondo e tre mix di insalate (Piccante, Orientale e Delicato). 

La particolarità è che tutte le insalate prodotte nell’impianto di vertical farming più grande in Europa, appunto quello di Planet Farms, sono coltivate senza utilizzare pesticidi e con un notevole risparmio d’acqua (oltre il 95%).  

La coltivazione “verticale”, infatti, comporta un impatto ambientale decisamente più basso. Come spiegano sul loro sito  i fondatori di Planet Farms, ci sono anche vantaggi per la biodiversità:  

Tramite l’agricoltura verticale risparmiamo il 90% del terreno. Infatti, a parità di superficie, produciamo 100 volte di più dell’agricoltura tradizionale. E il suolo che risparmiamo può tornare al suo habitat naturale favorendo la biodiversità.  

Inoltre, con questo tipo di produzione, si riducono emissioni e sprechi alimentari:

Con la nostra filiera estremamente breve e integrata accorciamo la distanza seme-tavola producendo vicino al centro di consumo e solo quanto serve. In questo modo riduciamo le emissioni legate al trasporto e gli sprechi alimentari.

Per quanto riguarda il packaging, invece, le confezioni di queste insalate sono realizzate in materiale certificato FSC e sono riciclabili nella carta.    

Continuiamo a preferire sempre l’insalata fresca sfusa (biologica e a km0) ma, rispetto ai classici prodotti già pronti coltivati con l’uso di pesticidi e confezionati nella plastica, è un deciso passo avanti.

Seguici su Telegram Instagram Facebook TikTok Youtube

Fonte: Planet Farm

Leggi anche:

Recommended Articles

Leave a Reply