Godmother, storia e ricetta per la Festa della Mamma

godmother,-storia-e-ricetta-per-la-festa-della-mamma

Questo drink è il “regalo” alcolico con cui festeggiare il 9 maggio. La miscela è facile da preparare a casa: richiede due soli ingredienti, entrambi alcolici. Ecco la storia e la ricetta del Godmother per la Festa della Mamma

Un brindisi con il Godmother

Quest’anno non scrivete “Auguri mamma” sul bigliettino assieme ai fiori. Se volete lasciare un messaggio alternativo, diteglielo mentre brindate con un cocktail Godmother.

Gli appassionati di mixology sanno che esiste un drink per ogni occasione. E per la Festa della mamma, il 9 maggio, il Godmother è il cocktail ideale che, per le sue note amaricanti dovuti al buon gusto di mandorle in veste alcolica, non rischia delusioni.

Godmother, quando berlo

Dal 1986, il Godmother è stato tra i drink riconosciuti dall’International Bartenders Association.

Uscito dalla lista IBA nel 2020, è rimasto però molto amato tra i bartender quanto tra i neofiti della miscelazione. Il Godmother è un twist sul Godfather che ha tra i suoi ingredienti l’amaro alla mandorla, presente in entrambi i drink e la vodka al posto del whisky scozzese.

L’associazione amaro-vodka lo rende un drink da meditazione, ottimo anche dopo cena. Un po’ come si fa con i regali, che si scartano quasi sempre alla fine della festa, è perfetto after dinner, a chiusura di un pasto.

La storia

Non ci sono notizie certe su chi abbia inventato il Godmother. Di sicuro, le sue origini sono americane proprio come lo sono quelle del Godfather, da cui deriva. Ma se volete saperne di più, il consiglio è di assaggiarlo.

Preparato da mani esperte oppure, vista la semplicità della ricetta, realizzato proprio da voi. Qui, il procedimento e le dosi. Per una Festa della Mamma da ricordare.

La ricetta del Godmother

Ingredienti

  • 35 ml vodka
  • 35 ml liquore all’amaretto

Preparazione

Colmare di ghiaccio un bicchiere old-fashioned. Inserire la vodka e il liquore all’amaretto e miscelare con un bar spoon.

Garnish

Il cocktail non prevede decorazioni. La semplicità è la sua cifra.

Recommended Articles

Leave a Reply