Food for trash: chi pulisce i sentieri dell’arcipelago toscano vince una cena gourmet

food-for-trash:-chi-pulisce-i-sentieri-dell’arcipelago-toscano-vince-una-cena-gourmet

Mantieni pulito l’ambiente e vinci una cena gourmet: questa l’iniziativa di Vetrina Toscana che vuole legare la sostenibilità alla cucina del territorio. Un connubio ormai imprescindibile che trova sempre più spazio nei ristoranti d’alta cucina con locali totalmente plastic free o iniziative da parte delle guide più prestigiose. L’iniziativa che unisce l’arcipelago toscano vuole mettere insieme le isole d’Elba, Montecristo, Capraia, il Giglio, Pianosa, Giannutri e la Gorgona, territori che spesso si considerano in maniera divisiva, ma che hanno bisogno di una comunità che interagisca. Food for trash vuole essere proprio questo: un obiettivo comune per migliorare le cose, con un goloso premio in palio.

Come funziona l’iniziativa Food for trash

L’iniziativa è stata organizzata da Vetrina Toscana, un progetto che unisce ristoranti, botteghe e amanti della buona cucina, promuovendo l’enogastronomia e il turismo del territorio. L’idea di Food for trash è venuta a Marco Olmetti, cuoco del ristorante dell’Osteria Pepenero di Portoferraio. In pratica chiede ai cittadini di passeggiare e pulire: basta invitare gli amici a raccogliere bottiglie, cartacce, lattine, sacchetti, buste di plastica, mascherine, tutto ciò che inquina l’ambiente e che si trova lungo una passeggiata in compagnia. Purtroppo ci imbattiamo spessissimo in strade invase da rifiuti di ogni genere che, oltre a inquinare, sono anche pericolosi per gli animali. Chi avrà raccolto più plastica e metallo sui sentieri elbani fino al 31 maggio 2021 riceverà come premio una cena per due all’Osteria Pepenero.

Cacio e pere, uno dei dessert dell’Osteria Pepenero
in foto: Cacio e pere, uno dei dessert dell’Osteria Pepenero

Per partecipare bisogna pubblicare le foto durante la raccolta, segnalando la zona “battuta” così che altre persone possano contribuire a tener puliti i sentieri, le foto finali con i sacchi e il loro peso nel gruppo pubblico di Facebook. A partire da giugno ci sarà il conteggio dei chili, (si spera tanti), di spazzatura da riciclare e chi ne avrà raccolta di più potrà andare a cena da Marco Olmetti.

L’iniziativa fa parte del più ampio progetto di Toscana Plastic Free nato dal protocollo d’intesa tra il Consiglio regionale e Toscana Promozione Turistica, siglato nel 2019 per una Toscana più eco-friendly sia per chi la vive che per chi la visita.

Recommended Articles

Leave a Reply