Endometriosi, la dieta che la contrasta: i cibi sì e quelli che è meglio evitare

endometriosi,-la-dieta-che-la-contrasta:-i-cibi-si-e-quelli-che-e-meglio-evitare

Questa patologia ginecologica si accompagna a dolori anche molto intensi che rendono difficili azioni semplici della vita quotidiana

Maria Elena Perrero

Colpisce una donna su dieci e per le sue caratteristiche dolorose viene definita malattia sociale, ma anche attraverso la dieta si può trovare un aiuto contro la endometriosi. “L’endometriosi è una patologia ginecologica che si presenta quando le cellule endometriali che normalmente si trovano nel rivestimento uterino proliferano in altre zone, che possono essere zone pelviche, come le ovaie, o zone non peliviche, per esempio a livello intestinale o renale”, spiega a Gazzetta Active la dottoressa Alice Cancellato, biologa nutrizionista del Centro scienze della natalità e ginecologia oncologica dell’IRCCS Ospedale San Raffaele di Milano – Gruppo San Donato.

Qual è la causa della endometriosi?

“Lo stimolo degli estrogeni stimola la proliferazione delle cellule endometriali. Proprio per questo colpisce le donne in età fertile, e nel momento in cui la produzione di estrogeni si abbassa, come in menopausa, i sintomi si riducono. Quando parlo di sintomi intendo sintomi importanti, che spesso incidono sulla qualità della vita della paziente. Si tratta di dolori molto forti in prossimità e durante la mestruazione, dolori che rendono difficili anche normali attività quotidiane e che possono colpire anche durante i rapporti sessuali. Questa patologia può anche provocare difficoltà di concepimento, tanto che talvolta alle giovani pazienti viene suggerita la crioconservazione. E ci possono essere ripercussioni anche a livello intestinale, con sindrome del colon irritabile”.

Quanto incide l’alimentazione?

“L’alimentazione incide molto, perché è in grado di ridurre (o di aumentare) i livelli di infiammazione. La dieta anti endometriosi, quindi, deve essere antinfiammatoria e particolarmente ricca di vitamine A, C ed E. Inoltre è bene evitare il sovrappeso perché gli estrogeni vengono prodotti anche dal tessuto adiposo, e in caso di eccesso ponderale si rischia un peggioramento dei sintomi dell’endometriosi”.

Quali alimenti sono consigliati in una dieta che contrasti la sintomatologia dell’endometriosi?

“Sicuramente sono fondamentali tutti gli alimenti ricchi di acidi grassi omega 3, grassi buoni che stimolano la produzione di prostaglandine antinfiammatorie, mediatori chimici dell’infiammazione che possono avere funzione proinfiammatoria o antinfiammatoria. Le prostaglandine proinfiammatorie vengono prodotte a partire dagli acidi grassi omega 6 e sono utili nel caso di infiammazione acuta, perché modulano la risposta immunitaria. Quando invece siamo di fronte ad una infiammazione cronica come la endometriosi abbiamo bisogno di prostaglandine antinfiammatorie e, di conseguenza, di omega 3. Questi si trovano nel pesce azzurro e nel pesce grasso pescato. Quindi attenzione al salmone allevato, che contiene più omega 6 che omega 3. Meglio evitare anche tonno e pesce spada, che contengono anche metalli pesanti. L’ideale è il pesce azzurro, come sgombro, sardine, alici. Gli omega 3 sono poi presenti anche nei semi di lino, che andrebbero consumati macinati o sotto forma di olio, nelle noci, nei semi di canapa. Anche gli acidi grassi monoinsaturi hanno proprietà antinfiammatorie e sono importanti per la fertilità, perché aiutano la attività ovarica. Gli acidi grassi monoinsaturi si trovano nell’olio extravergine di oliva, nell’avocado e nelle noci macadamia”.

Quali alimenti, al contrario, è meglio evitare?

“Sicuramente è bene limitare gli zuccheri (i dolcificanti e gli zuccheri raffinati presenti nei dolci), la carne rossa e i latticini, che promuovono la infiammazione. Gli alcolici andrebbero evitati, perché hanno un metabolismo epatico, abbassano la funzionalità epatica, e chi soffre di endometriosi ha bisogno di un fegato che funzioni bene per rimuovere l’eccesso di estrogeni implicati nella patologia. Attenzione anche a tutte le sostanze nervine presenti in caffè, tè e cioccolato, perché peggiorano la sintomatologia dolorosa legata all’endometriosi. Da consumare con moderazione anche i cereali integrali: troppe fibre possono ridurre l’assorbimento del ferro, e questo è controindicato nel caso si abbiano flussi mestruali abbondanti, come con l’endometriosi. I legumi vanno bene ma sarebbe meglio mangiarli decorticati o passati con il passa verdura. Va poi ricordato che quando c’è un’infiammazione a livello intestinale sarebbe bene ridurre il glutine”.

Seguici sui nostri canali social! 

Instagram –  Facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Recommended Articles

Leave a Reply