Crema pasticciera vegana ai frutti di bosco

crema-pasticciera-vegana-ai-frutti-di-bosco

Vegan

Questa crema pasticciera ai frutti di bosco è una deliziosa variante di quella più classica aromatizzata al limone o alla vaniglia, ed è perfetta sia gustata da sola come dolce al cucchiaio, magari accompagnata da qualche biscotto, oppure per farcire una torta o una crostata

Crema pasticciera vegana ai frutti di bosco

Stampa

Crema pasticciera ai frutti di bosco vegana

    Autore: Sonia Maccagnola

    Prep.: 10 min

    Cottura: 5 min

    Tempo tot.: 15 min

    Dosi per: 600 g di crema

Si cucina!

Come prima cosa sciacquate bene i frutti di bosco, versateli nel frullatore e frullateli fino a ridurli una purea. Versate il composto in un colino a maglie fitte posto sopra una ciotola e passatelo aiutandovi con un cucchiaio in modo da separare la purea dai semini.

Prepariamo la crema

In un pentolino versate l’amido di mais e un goccio di latte di soia per stemperarlo bene, in modo che non ci siano grumi. Aggiungete poi il resto del latte di soia, lo zucchero di canna, il succo di limone e la purea di frutti di bosco.

E ora cuociamo

Trasferite il pentolino sul fuoco a fiamma media e, tenendo costantemente mescolato con un cucchiaio, portate a bollore la vostra crema, dopodiché lasciate sobbolire per un paio di minuti, sempre senza smettere di mescolare.

Lasciamo raffreddare la crema

Trasferite subito la crema in una ciotola, coprite la superficie con della pellicola e lasciate raffreddare completamente. A questo punto la crema pasticciera ai frutti di bosco è pronta per essere usata nelle vostre preparazioni dolci, ad esempio per farcire una crostata o come crema in un tiramisù vegan ai frutti di bosco.

Crema pasticciera vegana ai frutti di bosco

Conservazione

Potete conservare questa crema pasticciera ai frutti di bosco per 3 giorni in frigorifero in un contenitore per alimenti.

Consiglio per i vegolosi: Al posto dello zucchero di canna potete usare 100 g di sciroppo d’agave per dolcificare questa crema pasticciera, diminuendo leggermente la quantità di latte di soia usato.

Pubblicato il:  29 Giugno 2021

Ultimo aggiornamento:  24 Giugno 2021

Print Friendly

Recommended Articles

Leave a Reply