Come cucinare le salsicce: consigli e metodi di cottura

come-cucinare-le-salsicce:-consigli-e-metodi-di-cottura

Indice

     

    Alla brace, in padella, al forno o nel sugo? Da napoletana le adoro insieme ai friarielli, ma spesso le cucino anche al sugo. Preparate prevalentemente con carne di maiale, di cui una parte magra e una grassa, le salsicce sono condite poi con vari aromi, tra cui sale, pepe, peperoncino, finocchietto o aglio. Oltre al suino possono essere usate anche carni di pollo, tacchino, equino, cinghiale e cervo, a cui si aggiunge sempre, però, del grasso di maiale che aiuta la conservazione. Il composto, che può essere tritato finemente o a punta di coltello, viene poi inserito in un budello e legato con lo spago. Se si tratta di salsiccia secca, tipica delle regioni meridionali, dopo una stagionatura è bella e pronta, quella fresca deve necessariamente essere consumata previa cottura. Ed è proprio su questo argomento che vogliamo soffermarci oggi: vediamo infatti come cucinare le salsicce, dandovi poi tre idee su come riciclarle quando avanzano.

    Come cucinare le salsicce: i diversi metodi 

    C’è chi le lascia intere, chi le buca, chi le taglia a metà e chi le sbollenta prima di cuocerle in padella. La scelta dipende dal tipo di cottura che si vuole eseguire. Il budello che racchiude la carne, infatti, è quello che consente ai grassi di rimanere all’interno, facendola diventare morbida e saporita. Bucandolo, quindi, parte di questi grassi fuoriescono, rendendola meno grassa ma più secca. Vediamo nel dettaglio quali sono i diversi metodi di cottura.

    In padella

    salsicce in padella

    DronG/shutterstock.com

    Accanto ai friarielli, alla maniera napoletana, oppure con le patate rosolate. A prescindere dal contorno con cui volete accompagnarle, le salsicce in padella sono buonissime. Per cucinarle non occorre una grande preparazione: basterà mettere in una padella antiaderente un dito di acqua e l’insaccato precedentemente bucherellato in modo da far fuoriuscire i grassi. Quando l’acqua sarà evaporata, continuate a cuocere, girando di tanto in tanto, aggiungendo un goccio di vino per sfumare e proseguite la cottura per almeno 10 minuti.

    Alla brace

    Quando in estate preparo la brace non mancano mai. In questo caso, non è opportuno bucare il budello, così la carne rimane morbida e saporita. C’è chi ha l’abitudine di tagliarle a metà: se proprio volete farlo, ricordate di metterle con un fuoco non troppo alto, perché cuocerebbero troppo rapidamente, seccandosi. Infine, c’è chi sceglie di cucinarle sotto la cenere: in questo caso meglio richiuderle accuratamente nell’alluminio, spostare la cenere, posizionarle e poi sistemare le braci sopra, per circa 15 minuti. Cuoceranno lentamente, rimanendo tenere.

    Grigliate

    salsicce alla griglia

    aleksandr talancev/shutterstock.com

    Anche su questa tipologia di cottura esistono varie scuole di pensiero: chi la lascia intera, chi la buca, chi addirittura la taglia a metà. In tutti i casi quello che è importante ricordare è che la fiamma deve essere vivace, ma non troppo alta per evitare che si cuocia troppo velocemente all’esterno rimanendo cruda all’interno. Se troppo bassa, invece, i tempi si allungherebbero eccessivamente. Una fiamma media consente di avere il calore giusto per una cottura omogenea.

    Al forno

    Al forno con le patate: uno dei modi migliori per gustare le salsicce. Con questa modalità di cottura è opportuno prestare molta attenzione ai tempi, in quanto prolungandoli eccessivamente si rischia di avere un prodotto troppo secco. Per uniformare le tempistiche vi suggerisco di pre-lessare le patate per 5 minuti e aggiungerle alla teglia con le salsicce.

    Al sugo

    Una delle mie passioni: le salsicce al sugo! Quando le preparo ne faccio in abbondanza per fare in modo che avanzi, ne congelo una vaschetta per averla pronta quando ne ho voglia. Per fare eseguire questa tipologia di cottura è opportuno bucherellare il budello. Fatele rosolare in un tegame alto, sfumandole con un goccio di vino. Volendo potete aggiungere anche delle costine di maiale, che renderanno il vostro sugo ancora più saporito. In ultimo versate la passata di pomodoro, il sale, e fate cuocere a fiamma dolce per almeno un’ora e mezza.

    In umido con legumi

    salsicce in umido

    Tatiana Volgutova/shutterstock.com

    La parte lunga della preparazione è l’ammollo dei legumi che deve andare avanti tutta la notte, per poi essere lessati in acqua. Le salsicce, cotte a parte con un uno soffritto di cipolla, andranno rosolate per 10 minuti, poi irrorate con brodo caldo e concentrato di pomodoro, a cui saranno infine aggiunti i legumi.

     Al microonde

    Un modo sbrigativo – ma non per questo meno efficace – è quello di cucinare le salsicce al microonde. Bucherellatele prima di inserirle nell’apposita teglia e copritele con il coperchio dato in dotazione con il micro. Cuocetele alla potenza di 650 W per 8 minuti, quindi verificate la cottura e prolungate di un altro paio di minuti qualora fosse necessario. In alternativa potete utilizzare la funzione crisp, o combi, che consente di utilizzare sia le microonde che il grill: in questo caso otterrete un risultato molto simile alla cottura in forno, con una leggera doratura in superficie, ma in tempi molto più rapidi.

    In pentola a pressione

    Ottima per velocizzare i tempi, in particolare se le state preparando al sugo. Dopo una veloce rosolatura aggiungete la passata di pomodoro, un pizzico di sale e chiudete il coperchio abbassando la valvola dello sfiato e cuocendo a fiamma viva. Quando la pentola raggiunge il fischio abbassate la fiamma al minimo e proseguite per altri 25 minuti. Quindi spegnete, sollevate la valvola e aspettate che sia uscito tutto il vapore. Aprite e verificate lo stato di cottura, proseguendo se occorre, ancora per 5 minuti.

    Come riciclare le salsicce avanzate

    Ne avete cucinate in abbondanza, ma non siete riusciti a mangiarle tutte. Se le avete preparato in umido o al sugo non ci sono problemi perché il pomodoro manterrà il giusto grado di umidità e, scaldandole, saranno buone come appena fatte. Discorso diverso, invece, se le avete cucinate al forno, alla brace o in padella: una volta fredde, infatti, la carne tende a seccarsi. In questo caso niente paura: potete provare a riciclare le vostre salsicce seguendo una di queste ricette!

    Crostoni con salsiccia e formaggio

    Ne sono avanzate solo due e non sono sufficienti per la cena del giorno successivo? Trasformatele in un goloso antipasto, pronto in 5 minuti!

    crostoni salsiccia

    Ghischeforever/shutterstock.com

    Ingredienti per 4 persone

    • 2 salsicce avanzate
    • 4 fette di pane
    • 4 fette di scamorza

    Procedimento

    1. Prendete le salsicce avanzate, tagliatele per la lunghezza eliminando il budello e spezzettate.
    2. Affettate quattro fette di pane, sistematele in una pirofila rivestita di carta forno e adagiatevi sopra le fette di scamorza.
    3. Portate il forno alla temperatura di 160 °C, inserite il pane e lasciate cuocere per 5 minuti o comunque fino a quando il formaggio avrà iniziato a fondersi. Estraete e distribuite i pezzetti di salsiccia sulle quattro fette, quindi infornate nuovamente per un altro paio di minuti, azionando il grill. Sfornate e servite calde.

    Rustici con salsiccia

    Anche in questo caso le salsicce vengono utilizzate per creare un antipasto sfizioso. Una preparazione veloce e passaggio in forno e il gioco è fatto.

    rustici con salsiccia

    Stepanek Photography/shutterstock.com

    Ingredienti per 4 persone

    • un rotolo di pasta sfoglia
    • tre salsicce avanzate
    • 200 g di funghi
    • 1 spicchio di aglio
    • q.b. di olio extravergine di oliva
    • q.b. di sale
    • un rametto di prezzemolo
    • un tuorlo
    • q.b. di semi di sesamo

    Procedimento

    1. Eliminate la parte finale dei funghi, più legnosa, poi puliteli con un foglio di carta assorbente da cucina umido. Dopo aver eliminato tutte le impurità, affettateli.
    2. Sbucciate e schiacciate uno spicchio di aglio, fatelo imbiondire in un filo d’olio, poi mette i funghi a rosolare. Aggiunte un pizzico di sale, senza esagerare. Lavate e tritate il prezzemolo e aggiungetelo ai funghi. Fate cuocere per 5 minuti a fiamma vivace, quindi abbassate e proseguite la cottura ancora qualche minuto.
    3. Prendete le salsicce, eliminate il budello e spezzettatele. Unitele ai funghi e lasciatele riscaldare. Aggiustate, se occorre, di sale. Quindi, spegnete e fate raffreddare.
    4. Aprite il rotolo di pasta sfoglia su un piano di lavoro. Sistemate le salsicce e in funghi su un lato e procedete arrotolandolo ben stretto. Chiudete le due estremità poi avvolgetelo con la carta da forno e lasciate riposare in frigo per almeno mezz’ora.
    5. Trascorso il tempo estraete, tagliate in pezzetti di circa 5-7 cm. Spennellate ogni involtino con un tuorlo d’uovo e poi decorate con semi di sesamo.
    6. Infornate a 170 °C a forno già caldo e fate cuocere per 15 minuti o comunque fino a quando si sarà formata una crosticina dorata. Spegnete e lasciate riposare 5 minuti, poi servite tiepidi.

    Pasta con ragù veloce di salsiccia 

    Un secondo trasformato in un primo? Niente di più semplice. Ecco come riciclare delle salsicce cotte al forno o in padella preparando un ragù furbissimo.

    pasta ragù salsiccia

    Jacek Chabraszewski/shutterstock.com

    Ingredienti per 4 persone

    • 2 salsicce avanzate
    • 400 g di pelati
    • uno spicchio di aglio
    • q.b. di olio extravergine di oliva
    • 2-3- foglie di basilico fresco
    • 350 g di penne (o altra pasta corta)
    • q.b. di parmigiano

     

    Procedimento

    1. Preparate il ragù: sbucciate l’aglio, schiacciatelo e lasciatelo imbiondire in un filo d’olio, poi eliminatelo. Versate i pomodori e fate cuocere per almeno 15 minuti, quindi schiacciateli leggermente con una forchetta. Aggiungete le foglie di basilico e proseguite la cottura.
    2. Prendete le salsicce, eliminate il budello e spezzettate grossolanamente. Unitele al sugo e lasciate che questo si insaporisca. A cottura terminata aggiustate, se occorre, di sale.
    3. Cuocete le penne in abbondante acqua salata, scolatele un paio di minuti prima del termine della cottura, poi versatele direttamente nella padella con il sugo, facendo mantecare. Aggiungete una spolverizzata di parmigiano per completare, quindi impiattate.

     

    E voi, quando cucinate le salsicce, come le preparate? Mi piacerebbe sapere quali sono le vostre ricette preferite.

    L’articolo Come cucinare le salsicce: consigli e metodi di cottura sembra essere il primo su Giornale del cibo.

    Recommended Articles

    Leave a Reply