Chi ha in giardino questi splendidi fiori spesso non sa che sono anche un prezioso ingrediente in cucina

chi-ha-in-giardino-questi-splendidi-fiori-spesso-non-sa-che-sono-anche-un-prezioso-ingrediente-in-cucina

Alcuni fiori non solo abbelliscono balconi e giardini, ma insaporiscono anche le ricette. È il caso delle tagete, per esempio, che allontanano i parassiti dall’orto e si possono usare in svariate preparazioni (qui qualche spunto).

Lo stesso vale per i lillà. Eppure chi ha in giardino questi splendidi fiori spesso non sa che sono anche un prezioso ingrediente in cucina. Ecco come sfruttarli per preparare un delizioso e rinfrescante sciroppo.

Spirulina

Come scegliere i fiori giusti

Violetti, rosa, bordeaux, bianchi, gialli… Coi loro mille colori e il delicato profumo, i fiori di lillà impreziosiscono qualsiasi giardino. Oltre che per la propria bellezza, però, questo arbusto è apprezzabile anche per la propria utilità. I lillà sono infatti commestibili: eppure, chi ha in giardino questi splendidi fiori spesso non sa che sono anche un prezioso  ingrediente in cucina.

Gli arbusti di lillà fioriscono proprio fra aprile e maggio. Giusto in tempo per preparare un rinfrescante sciroppo primaverile.

Attenzione, però: per cogliere i fiori, è meglio scegliere un arbusto non trattato con sostanze chimiche e lontano da possibili agenti inquinanti. Meglio evitare, dunque, se la pianta si trova sul ciglio di una strada. Se si è fortunati e si ha a disposizione il cespuglio giusto, ecco come procedere.

La ricetta dello sciroppo ai fiori di lillà

Ingredienti:

a) quattro tazze di fiori di lillà (circa tre grappoli di fiori);

b) due tazze di zucchero;

c) due tazze d’acqua.

Procedimento:

a) sgranare le “pannocchie” di fiori;

b) con l’aiuto di un colino, sciacquare i fiori sotto un getto d’acqua fredda;

c) in un pentolino, far sciogliere lo zucchero nell’acqua e portare a ebollizione;

d) abbassare la fiamma, aggiungere i fiori di lillà, coprire e far sobbollire per circa cinque minuti;

e) rimuovere il pentolino dal fornello e lasciar riposare per 3-8 ore (a seconda dell’intensità che si vuole ottenere);

f) filtrare e riporre in una bottiglia di vetro.

Lo sciroppo, così ottenuto, si può conservare in frigorifero per circa due settimane. È ottimo sia mescolato a dell’acqua ghiacciata, che alla limonata.

Recommended Articles

Leave a Reply