Chateau d’Ax amplia la rete in affiliazione

chateau-d’ax-amplia-la-rete-in-affiliazione
Chateau d'Ax in affiliazione - Lentate sul Seveso
Chateau d’Ax in affiliazione – Lentate sul Seveso

Il momento è quello giusto, gli affitti sono bassi e il mercato dell’arredamento, nonostante la pandemia, cresce: Chateau d’Ax vuole ampliare la rete di vendita in affiliazione, e per questo ha costruito per gli imprenditori un piano di consulenza e supporto a tutto campo.

Il programma di Chateau d’Ax per crescere in affiliazione

Consolidarsi in Italia ed Europa: con questo obiettivo, che fa parte di un più ampio progetto di riposizionamento del marchio, Chateau d’Ax offre agli imprenditori una serie di strumenti per aprire un nuovo negozio monomarca, con i classici divani imbottiti, arredi, pareti attrezzate e complementi d’arredo.

Chateau d'Ax in affiliazione - Maurizio Pietro Motta
Chateau d’Ax in affiliazione – Maurizio Pietro Motta, Ad

Ad oggi la rete è composta da 300 punti di vendita monomarca in 90 nazioni. In Italia ce ne sono 70 fisici, più l’eCommerce, costruito per essere “store friendly”, cioè in ottica omnichannel come ulteriore spinta verso l’acquisto nel canale fisico. Il primo passo è stato scegliere le aree nelle quali proporre le nuove aperture: “Abbiamo scelto le aree in cui investire svolgendo un’analisi sulle presenze dei nostri negozi, sulle richieste e sulle potenzialità del mercato; questo rappresenta già un vantaggio competitivo che offriamo ai nostri partner. –afferma Maurizio Pietro Motta, Ad di Chateau d’Ax– Anche il sito web è stato declinato per sviluppare un eCommerce store friendly, proprio per incentivare i nostri clienti ad acquistare nei nostri punti vendita”.

Uno sviluppo pianificato in ogni dettaglio che mette a disposizione dei futuri store manager una squadra di consulenti, sia per sviluppare il miglior layout di negozio, sia per farlo decollare con un opportuno piano marketing.

Il piano di marketing per l’affiliato

Ciascun nuovo negozio Chateau d’Ax in affiliazione potrà contare su un piano marketing su misura in base all’area di riferimento e alle esigenze specifiche. Prima di tutto la consulenza aiuta ad allestire il negozio con l’offerta più corretta, a definire il layout e dare appoggio per le attività commerciali in generale.

Successivamente viene sviluppato il piano di marketing per lanciare il nuovo negozio e per supportare l’attività, con materiale dedicato e attività personalizzate.

Accanto al supporto personalizzato, che vede anche materiali mirati per le campagne locali, quindi video, foto di prodotto, brochure, depliant, materiale per il punto di vendita, c’è anche la campagna istituzionale su base nazionale che può contare su un investimento annuo di “alcuni milioni di euro”, comunicano dall’azienda. Riviste di settore, radio, tv, i canali digitali e il concorso Bugno.

Partirà a breve anche una campagna di comunicazione legata direttamente all’iniziativa di crescita in affiliazione di Chateau d’Ax: sui due principali quotidiani nazionali, sui quotidiani più diffusi a livello locale.

L’Ad Maurizio Pietro Motta (già Mediamarket, Grancasa, UnoPiù) così motiva il lancio dell’operazione di espansione proprio in questa fase di uscita dalla pandemia: “Abbiamo deciso di lanciare adesso l’operazione New Dealer in funzione dei dati di mercato che monitoriamo costantemente. Questi ci dicono che il nostro settore è in crescita e in controtendenza rispetto ad altri comparti del retail. In più è il momento in cui approfittare di costi bassi per l’affitto degli spazi”.

    Recommended Articles

    Leave a Reply