Carboidrati: quali cereali sono meglio per te se hai il diabete, secondo il nutrizionista

carboidrati:-quali-cereali-sono-meglio-per-te-se-hai-il-diabete,-secondo-il-nutrizionista
Spesso si ritiene che chi soffre di diabete debba necessariamente eliminare i carboidrati dalla propria dieta. Ma è davvero così? L’abbiamo chiesto al “nostro” nutrizionista.
 
Non c’è dubbio che chi soffre di diabete deve prestare particolare attenzione alla propria dieta, affidandosi ai consigli di un esperto per calibrare al meglio l’alimentazione giornaliera con l’obiettivo di tenere a bada l’assunzione degli zuccheri.
 
Il diabete è infatti una malattia cronica in cui la glicemia tende ad aumentare e, per tenerla sotto controllo, oltre alla terapia farmacologica viene consigliata anche una specifica dieta in cui prevalgono alimenti a basso indice glicemico.
 
Questo però non vuol dire affatto che bisogna eliminare completamente i carboidrati, come ci ha spiegato il nutrizionista Flavio Pettirossi:
 
Sempre più spesso si è portati a pensare che il paziente diabetico debba eliminare i carboidrati per evitare l’innalzamento della glicemia, ma questa convinzione è errata. Infatti il paziente diabetico non deve assolutamente fare a meno dei carboidrati, ciò a cui deve prestare attenzione sono sia la qualità che la quantità di carboidrati da consumare.
Cosa dovrebbe evitare e cosa prediligere chi soffre di diabete?
 
Andrebbero evitati pizze e sostituti del pane addizionati di grassi come grissini, crackers e taralli, ma si possono mangiare in modiche quantità pasta e riso. I carboidrati da inserire preferibilmente nella dieta del paziente diabetico derivano da cereali integrali e legumi. Per il diabetico è molto importante consumare cereali integrali e a chicco intero, questo perché le fibre contenute al loro interno aiutano a rallentare l’assorbimento dell’amido. Stesso discorso vale per i legumi che con le loro fibre aiutano ad evitare bruschi innalzamenti della glicemia.
Possiamo dunque inserire nella dieta: riso integrale, farro, orzo, avena, miglio ma non dobbiamo per forza privarci anche di un buon piatto di pasta (sempre integrale).
 
Quale altro consiglio possiamo dare alle persone diabetiche?
 
È importante ricordare che ogni pasto deve essere completo di tutti i nutrienti: carboidrati, proteine, grassi e fibre, quindi non deve mai mancare una porzione di verdura, poi un primo e poi un secondo anche non in questo ordine, infatti partendo ad esempio dalla verdura si può evitare un innalzamento rapido della glicemia. In alternativa si può anche fare un piatto completo ed equilibrato condendo la pasta con un mix di verdure e un po’ di parmigiano oppure con sugo semplice e poi proseguire con un secondo oppure con condimento di carne o pesce.
In un altro articolo vi avevamo parlato dei vantaggi di mangiare legumi in caso si soffra di diabete o si voglia agire in prevenzione. Leggi anche: Perché se soffri di diabete i legumi sono uno dei cibi migliori per la tua dieta

 

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Sul diabete ti potrebbe interessare:

Recommended Articles

Leave a Reply