Breve storia della pizza: Il piatto che ha conquistato il mondo

Pubblicato il
10 Agosto 2022
1900Cucina
1900Cucina

La pizza, così come la conosciamo oggi, deriva dalla focaccia (dal latino “fuoco”), pane piatto preparato fin dall’antichità in diverse forme e guarnito con erbe, olive, grasso, uvetta, miele e noci.

La parola pizza in italiano identifica qualsiasi tipo di pane piatto o fritto o al forno. Sebbene in tutto il Mediterraneo si trovino molti tipi di pite o pizze, è a Napoli che la pizza nella forma che conosciamo oggi è emersa per la prima volta, dopo la comparsa del pomodoro sulla tavola nel 1700. A Napoli ci sono molte testimonianze di pizze fin dall’anno 1000; le prime menzioni chiamano questi pani piatti laganae, mentre in seguito vengono chiamati picea. A quei tempi, le pizze erano condite con aglio e olio d’oliva, o formaggio e acciughe, o piccoli pesci locali. Venivano cotte sul fuoco e a volte venivano chiuse in due, come un libro, per formare un calzone.

A Napoli si aprirono anche le prime pizzerie, con forno a legna in mattoni, ricoperto di pietre laviche del Vesuvio. I cuochi dell’epoca ignoravano la pizza perché era considerata un cibo povero per i popoli, ma il nuovo abbinamento con il pomodoro, quando entrò in cucina intorno agli anni Settanta del Novecento, dovette suscitare una certa curiosità, persino nel palazzo reale. Ferdinando I Borbone, re di Napoli, amava il cibo semplice del popolo e andò ad assaggiare le pizze preparate nella bottega di Antonio Testa. Gli piacque così tanto che volle che la pizza fosse inserita nel menu di corte. Non ci riuscì per l’opposizione della moglie, la regina Maria Carolina. Anche il figlio Ferdinando II amava tutti i tipi di cibo popolare e amava la pizza al punto che assunse Domenico Testa, figlio dell’ormai famoso Antonio, per costruire un forno per la pizza nella reggia di Capodimonte.

La pizza divenne molto popolare, guadagnandosi un posto nel folklore napoletano. Semplice ed economica, divenne il cibo di tutti, venduto anche per strada, come mostrano molte illustrazioni dell’epoca.

Un episodio famoso estese la popolarità della pizza oltre i confini della città di Napoli. Era il 1889 e Margherita, regina d’Italia, era in visita in città. Le fu parlato della pizza e volle assaggiarla. Un famoso cuoco di nome Don Raffaele, aiutato dalla moglie Donna Rosa, fu invitato a cucinare la pizza nel palazzo reale. Prepararono tre pizze, tipiche dell’epoca: una con formaggio e basilico; una con aglio, olio e pomodoro; una con mozzarella, basilico e pomodoro. La regina, colpita dai colori dell’ultima pizza, che ricordava la bandiera nazionale, preferì quella. Da allora questa pizza è conosciuta come Pizza Margherita, e a Don Raffaele viene attribuita la sua invenzione, anche se sappiamo che esisteva già da tempo.

All’inizio del secolo scorso, con gli immigrati italiani, le prime pizzerie sono apparse anche negli Stati Uniti, dove la pizza è diventata un fenomeno di massa. Tuttavia, ancora oggi la pizza migliore si trova a Napoli, dove è rigorosamente fatta con la mozzarella di bufala. Sono considerate pizze superiori quelle ottenute con moderate variazioni della più semplice e popolare: Pizza Napoletana con pomodoro, aglio, olio e origano; Pizza Margherita; Pizza Marinara con pomodoro, acciughe, capperi e olive; e Pizza Quattro Stagioni, divisa in quattro quadranti, ognuno condito in modo diverso. La pizza con salame piccante si trova invece nella regione Calabria a sud di Napoli, dove si produce questo tipo di salame piccante.

Pizza e benefici per la salute

Secondo la rivista Men’s Health, una ricerca conclude che la pizza può fare bene. È importante sottolineare, tuttavia, che stiamo parlando di pizza vera, non di quella che si trova da Pizza Hut, Dominoes o nella sezione surgelati del supermercato. Per vera intendo la pizza fatta con vera crosta, vera salsa di pomodoro e puro olio d’oliva.

Secondo Men’s Health, alcuni scienziati che hanno scritto sull’European Journal of Clinical Nutrition hanno scoperto che mangiare pizza può ridurre il rischio di infarto. In uno studio durato 4 anni su quasi 1.000 italiani, coloro che mangiavano pizza almeno una volta alla settimana avevano il 30% in meno di probabilità di subire un infarto rispetto a coloro che non mangiavano la pizza.

Ciò è dovuto agli ingredienti cardioprotettivi della pizza, tra cui l’olio d’oliva e la salsa di pomodoro. Ed ecco un modo per rendere la pizza ancora più salutare: farcirla con verdure, formaggio parzialmente scremato e utilizzare una crosta integrale. Avrete così un pasto che vi farà bene.

È possibile trovare questo tipo di pizza in pizzeria? Potreste trovarne qualcuna che offra una crosta integrale, ma dubito che ne troverete qualcuna che offra formaggio parzialmente scremato. Potete invece acquistare gli ingredienti nel vostro negozio di alimentari e preparare la pizza da soli. Parlando per esperienza, questa può essere una cosa divertente!

Godetevi l’esperienza di preparare la vostra pizza e di assaporare un pasto nutriente. Dopo tutto, nutrire il proprio corpo con pasti nutrienti è la cosa più importante che si possa fare per migliorare la propria salute.

Photo by Ivan Torres on Unsplash

ABBONATI GRATUITAMENTE

Ricevi le ricette gratuitamente via email o Telegram.

Follow Rounded Edges 275x50

ABBONATI GRATUITAMENTE
Seguici sui social e rimani aggiornato.

© Tutti i diritti riservati