Allerta alimentare, nuovo ritiro urgente: attenzione al congelatore

allerta-alimentare,-nuovo-ritiro-urgente:-attenzione-al-congelatore

Il Ministero della Salute ha disposto un ritiro urgente di alcuni lotti di calamari per la presenza oltre il limite di un metallo dannoso per la salute.

Ritiro lotti calamari congelati intossicazione alimentare
Freezer (Foto di Gustavo Fring da Pexels)

Continua la lotta del Ministero della Salute contro prodotti contaminati sul mercato o con etichettatura non conforme alle disposizioni di legge europea relative al comparto food.

Nelle scorse ore sono stati ritirati con urgenza due lotti di calamari congelati a marchio Albatros venduti alla Coop, la motivazione è relativa la presenza fuori norma di un metallo pesante molto dannoso per la salute umana. Attenti dunque al congelatore, vediamo quali lotti sono stati coinvolti.

Quali sono i lotti di calamari ritirati dal mercato?

Il rapporto del Ministero spiega che i lotti fermati hanno una “concentrazione di cadmio superiore ai limiti consentiti”.

Ritiro lotti calamari congelati intossicazione alimentare
Calamari (Foto di Alex Knight da Pexels)

I due lotti di calamari indopacifici puliti sono i numeri 0006MF e 0010NF venduti in confezioni skin da 400 grammi, il termine minimo di conservazione (Tmc) rispettivamente al 08/2022 e 09/2022.

I punti vendita interessati sono però per ora solo quelli della Regione Toscana ma l’avvertenza è sempre la stessa, in caso il prodotto fosse presente in casa è sempre meglio non consumarlo e riportarlo al punto vendita per il cambio merce immediato anche senza scontrino.

Potrebbe interessarti anche –> Burro di un noto marchio ritirato dai supermercati: quali sono i lotti contaminati

In particolare è emersa la presenza di cadmio in misura di 6,6 mg/kg ± 1,6 mg/kg a seguito dell’analisi dell’Istituto Superiore di Sanità (rapporto di prova A161/21 del 30.03.2021).

Potrebbe interessarti anche –> Allerta alimentare, due prodotti molto noti ritirati per contaminazione batterica. I dettagli

Questo metallo si trova nel suolo, nell’acqua e nell’aria, ma viene rilasciato soprattutto per via di lavorazioni industriali. La sua assunzione oltre i limiti di legge può portare ad irritazione dello stomaco, vomito, diarrea, crampi muscolari, danni al fegato e insufficienza renale. Rivolgersi dunque sempre al proprio medico di base in caso di questi sintomi.

Recommended Articles

Leave a Reply