14 ortaggi, tuberi e funghi tradizionali cinesi che dovresti usare in cucina

14-ortaggi,-tuberi-e-funghi-tradizionali-cinesi-che-dovresti-usare-in-cucina

La cucina cinese da sempre ci affascina: ultimamente la tendenza è quella di prepararne a casa i piatti tradizionali. Ci stiamo sempre più spingendo alla ricerca di quella cucina cinese vera e tradizionale: Jing Chen che da oltre 20 anni vive in Alto Adige e da sempre appassionata della nostra cultura e di quella asiatica, ha creato un canale Youtube, Chinetaly – La vera cucina cinese, dove spiega a noi italiani cosa si mangia davvero in Cina e come possiamo rifarlo a casa. E soprattutto dove trovare gli ingredienti giusti, in particolare gli ortaggi e i tuberi meno conosciuti da noi ma indispensabili per preparare le vere ricette cinesi.

  1. Lo shiitake è il secondo fungo più coltivato al mondo e la Cina è il maggior produttore. Si trova facilmente sugli scaffali delle drogherie, spesso nella sua forma secca. Questa pianta contiene una quantità impressionante di vitamine e minerali. Il suo principale composto attivo è il lentinano, uno zucchero che si dice abbia proprietà antitumorali. Lo shiitake essiccato è una buona fonte di vitamina B2. Questi funghi si prestano a numerose ricette, come il riso fritto con shiitake e cipolla confit, il tofu croccante con shiitake e noodles al sesamo oppure si possono stufare insieme alle castagne e conditi con la salsa di soia. Si trovano nei negozi di alimentari cinesi o nei negozi bio.
  2. Il cavolo pak choi, conosciuto anche come cavolo cinese o bok choy, ha un gusto meno pronunciato rispetto a suo cugino, il cavolo cappuccio. Le sue foglie sono molto tenere e spesso vengono impiegate nelle insalate oppure per accompagnare piatti a base di carne o pesce. Ottimo stufato con lo zenzero oppure saltato nel wok con l’aglio; si può anche marinare o cuocere al cartoccio; inoltre è un ottimo ripieno per i dim sum. La sua coltivazione sta prendendo piede anche qui da noi e lo possiamo trovare al mercato dei contadini locali oppure nei negozi di alimentari cinesi.
  3. Zucca da vino. Chiamata anche zucca a fiasco o zucca bottiglia, è una varietà molto antica e si trova nei negozi alimentari cinesi. Si usa sia cruda che cotta, e spesso è messa sotto aceto.
  4. La luffa cylindrica è chiamata anche ocra cinese e ricorda nella forma le zucchine. Di lei non si butta via nulla: si possono mangiare germogli, fiori e frutti. In cucina si può saltare la luffa in padella con delle uova oppure friggerla insieme al tofu per combinarne un piatto davvero goloso. E se vi piace usatela per fare una zuppa, unendo anche del pollo.
  5. radice di lotoRadice di loto. Il contenuto calorico della radice di loto è pari a quello della patata, inoltre contiene acido tannico, fibre vegetali e vitamina B12. Si serve piccante, rosolata in padella insieme a del maiale e fagiolini oppure si prepara in insalata, avendola prima cotta almeno mezz’ora in acqua salata, condita con semi di sesamo, aglio, aceto, salsa di soia e un cucchiaino di zucchero.
  6. La zucca di cera contiene proteine, zucchero, carotene, vitamine, fibre, calcio, fosforo e ferro. È un ortaggio dalle mille proprietà: in Cina preparano una zuppa con la pelle della zucca cerosa e dei fagioli; la sua acqua è bevuta per mitigare la sindrome nefrosica. Tra le ricette che le stanno a pennello ci sono lo stufato di zucca di cera e gamberi oppure potete preparare una zuppa con la zucca di cera, polpette di maiale, brodo di pollo,  zenzero ed erba cipollina.
  7. Spinacio d’acqua. L’ipomoea aquatica è una pianta semi-acquatica tropicale coltivata come ortaggio a foglia. Questa pianta è anche conosciuta come spinacio d’acqua, convolvolo d’acqua o kangkong. Le sue foglie e gli steli sono verdure molto popolari nella cucina cinese. Spesso sono saltati in padella con peperoncino, aglio, zenzero e altre spezie per accompagnare spaghetti di riso, carne o pesce. Raramente si trova nei negozi alimentari cinesi, ma se abbiamo spazio lo possiamo seminare: questo ortaggio esotico è facile da coltivare in grandi contenitori in un luogo soleggiato e va bagnato regolarmente.
  8. Orecchio di Giuda. Sono tra i funghi più utilizzati in Cina. Si tratta di una specie di Mu-er scuri, sottili, con superficie vellutata, da cercare sui tronchi più vecchi delle latifoglie. Commercializzati secchi, hanno sapore molto delicato, risultano perciò particolarmente versatili e sono utilizzati soprattutto in virtù della loro croccantezza. Anche il profumo è gradevole e si sposa bene a paste saltate (ad esempio, insieme a carote, zucchine, germogli), ma possono accompagnare la carne (di solito, maiale) e i pesci (tipici, i gamberi conditi con funghi e zenzero). Si trovano nei negozi alimentari cinesi.
  9. Zucca amara. Chiamato anche melone amaro o karela, spesso questo ortaggio si evita per via dell’amarezza, ma con dei semplici trucchi diventa gradevole in diverse preparazioni. Ricorda nella forma un cetriolo e il suo periodo di maggior produzione è l’estate. Contiene tante vitamine importanti ed è ricco di potassio, ferro, fosforo e fibre. Si affetta nel senso della lunghezza, in modo da rimuoverne i semi interni e la parte spugnosa e amara. Per togliere l’amaro, si rigirano le parti della zucca in una ciotola contenente del sale, si aggiunge dell’acqua fino a ricoprirle e si lascia riposare per almeno un’ora. Quindi si sciacqua la zucca sotto l’acqua corrente e si procede alla preparazione della ricetta scelta. In frigo questo ortaggio si conserva per 2-3 giorni. È un ottimo accompagnamento per la carne di maiale.
  10. Cipollotto cinese. Detto allium tuberosum, il cipollotto cinese è una pianta aromatica perenne, bulbosa e aromatica originaria dell’Asia orientale. Il suo profumo leggero, più delicato e digeribile dell’aglio, lo rende un ingrediente ideale per la preparazione di piatti di pesce o di carne, zuppe e brodi, e per aromatizzare formaggi freschi e uova. Le foglie tenere che ricordano l’erba cipollina hanno un leggero sapore di aglio: tritate finemente, possono essere utilizzate per insaporire insalate e frittate. Si trova nei negozi alimentari cinesi.
  11. Il riso selvaggio della Manciuria, conosciuto anche come Zizania latifolia, ha una particolarità: non è utilizzato in cucina per i suoi chicchi, ma per gli steli. Questa pianta è solitamente raccolta nella stagione delle piogge nel sud della Cina. In primavera i germogli e gli steli sono particolarmente teneri e dolci e ricordano un po’ i germogli di bambù. Il gambo di Zizania latifolia è un ortaggio così delizioso che si può semplicemente saltare in padella con olio extravergine di oliva, acqua e del sale. Lo possiamo tagliare a pezzi, friggere e condire con sale e pepe, oppure saltarlo in padella con aglio, zenzero e la salsa di ostriche cantonese. Ricordatevi che i gambi devono essere pelati prima della cottura.
  12. Nagaimo. L’igname cinese è una pianta erbacea perenne rampicante monocotiledone della famiglia delle Dioscoreaceae. I suoi tuberi commestibili sono chiamati anche patata cinese. È un tubero selvatico dalla pelle dorata che possiede una polpa bianca dolce e carnosa, con una spiccata nota mandorlata. Si tratta di un ingrediente molto usato nella cucina asiatica, in particolare in quella cinese. La sua polpa farinosa si può mangiare come la patata: bollita, fritta. Ci si possono anche realizzare dolci, marmellate, budini, biscotti, torte, gelati e frittelle.
  13. Taro. Il taro è noto anche con il nome di madeira ed è un alimento sano e nutriente. È sempre più apprezzato in cucina dai grandi chef e dagli amanti delle verdure dai sapori esotici. Il taro è un tubero che ricorda una rapa: la sua polpa può essere bianca, viola o talvolta nerastra e il suo sapore è un mix tra la patata e la castagna. Si mangiano sia il tubero che le foglie, esclusivamente cotte. Contiene vitamina C ed E, beta carotene, magnesio, potassio, fosforo e omega 3. Questo tubero può ridurre il rischio d’ipertensione e malattie cardiovascolari. In cucina si cuoce al vapore oppure bollito e si possono ricavare dei bastoncini per poi friggerli con una pastella. Il taro è spesso accompagnato a piatti di pesce. Si trova nei negozi alimentari cinesi.
  14. Germogli di bambù. Nella cucina cinese i germogli di bambù costituiscono una ricca fonte di minerali (ferro e potassio), fibre e proteine. Da noi arrivano già inscatolati, ma in Cina si raccolgono freschi nelle radure attorno ai boschi. Hanno un sapore estremamente delicato e una consistenza vagamente croccante, che li rende il contrappunto perfetto per piatti umidi e ricchi di salse. I bambù essiccati si trovano nei negozi alimentari cinesi, mentre quelli freschi si trovano quasi solo in Cina.

Se vuoi aggiornamenti su cucina cinese inserisci la tua email nel box qui sotto:

Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi di cui alla presente pagina ai sensi dell’informativa sulla privacy.

Abbiamo ricevuto la tua richiesta di iscrizione. Se è la prima volta che ti registri ai nostri servizi, conferma la tua iscrizione facendo clic sul link ricevuto via posta elettronica.

Se vuoi ricevere informazioni personalizzate compila anche i seguenti campi opzionali.

Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi di cui alla presente pagina ai sensi dell’informativa sulla privacy.

I Video di Agrodolce: Cappone di Montoro

Recommended Articles

Leave a Reply