10 ristoranti che hanno aperto quest’anno (nonostante tutto)

10-ristoranti-che-hanno-aperto-quest’anno-(nonostante-tutto)
HOSTARIA IN CORTINA – CORTINA D’AMPEZZO
QUORE ITALIANO – MILANO
BOMBA DI NIKO ROMITO, PESCARA
LOCANDA PERBELLINI AL MARE – BOVO MARINA (AG)
INCALMO – ESTE (PD)
LINO GOURMET – PAVIA
AL MERCATO STEAKS & BURGERS – MILANO
L’ARTUSINO – CERBAIA (FI)
CARTER OBLIO – ROMA
WIZARD POKÈ E SUSHI KONG – ROMA

Stellati che raddoppiano, temporary che si trasformano in ristoranti, dark kitchen che escono “dal buio” e e diventano un locale, o nuove realtà – nate o dalle ceneri di celebri stellati o cogliendo opportunità impensabili – che hanno subito tanto successo.

Dietro di loro, tanto lavoro, la voglia di non mollare dopo il primo lockdown (molti di questi sono stati concepiti proprio in questo periodo) e tanta inventiva, elementi che hanno dato vita a una piccola rete virtuosa e coraggiosa di ristoratori che combattono, che ci credono ancora e che per questo vincono.

In questi mesi sono nate anche tante pasticcerie – il nuovo laboratorio di pasticceria artigiana contemporanea di Gianluca Fusto e il raddoppio di Gelsomina con i suoi celebri maritozzi a Milano – birrerie – Doppio Malto, a ottobre, sempre a Milano – pizzerie (Alice Pizza) e street food restaurant (Orecchiette à porter).

Il centro sud, meno colpito dalla pandemia nella fase iniziale, ha visto la nascita di tante realtà nuove, esplose, letteralmente, dopo l’estate fra settembre e ottobre, ma anche in Lombardia c’è stato chi ultimamente ha voluto scommettere su nuovi progetti.

Poco prima della chiusura di novembre, Andrea Ribaldone ha coraggiosamente inaugurato una seconda sala all’interno di un ristorante già esistente – Lino a Pavia – con una scenografica cucina a vista, mentre Eugenio Roncoroni, nel capoluogo lombardo, ha aperto a ottobre Al Mercato Steak and Burgers in via Sant’Eufemia e a dicembre ha raddoppiato in corso Venezia, sempre con lo stesso format.

Sfogliate la gallery sopra per scoprirli

Recommended Articles

Leave a Reply